startup 19

Più tempo per la scelta della trasmissione per via telematica delle fatture e dei corrispettivi

0 Flares 0 Flares ×

Più tempo per scegliere la trasmissione per via telematica dei dati delle fatture e dei corrispettivi giornalieri. In base a quanto stabilito con un Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate del 1° dicembre 2016, infatti, l’opzione per la trasmissione telematica dei dati delle fatture e dei corrispettivi relativi ad operazioni poste in essere nel 2017 potrà essere esercitata entro il 31 marzo 2017, e non più entro il 31 dicembre 2016.

Inoltre, è stata introdotta una ulteriore novità: i contribuenti che opteranno per la trasmissione telematica dei dati delle fatture potranno modificarli entro quindici giorni dalla scadenza del termine previsto per la trasmissione dei dati relativi ad ogni trimestre.

Ricordiamo che con un Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate sono state definite le informazioni da trasmettere, le regole da seguire ed i termini entro i quali esercitare l’opzione ed effettuare la trasmissione telematica dei dati delle fatture emesse e ricevute e delle relative variazioni. Allo stesso modo, con un altro Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate, sono state definite le tecniche per la trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi, le modalità di esercizio dell’opzione, le informazioni da trasmettere ed i termini di trasmissione.

In entrambi i Provvedimenti era previsto che l’opzione per la trasmissione telematica dei dati in questione avrebbe dovuto essere esercitata in modalità telematica ed entro il termine del 31 dicembre dell’anno precedente a quello di inizio della trasmissione delle fatture o di inizio della memorizzazione e della trasmissione dei dati dei corrispettivi. Per i dati del 2017, quindi, l’opzione avrebbe dovuto, secondo le regole prima in vigore, essere esercitata entro il 31 dicembre 2016.

Con il nuovo Provvedimento del 1° dicembre 2016 interviene, invece, una proroga giustificata dall’esigenza “di consentire tanto ai contribuenti quanto agli intermediari […] un corretto e completo approfondimento delle specifiche tecniche e, conseguentemente, una accurata valutazione in merito all’opportunità di esercitare le predette opzioni” che vincoleranno il contribuente comunque per 5 anni.