Scadenzario fiscale

Scadenzario fiscale

Consulta le principali scadenze del mese di: LUGLIO 2020  

 

1 GIUGNO 2020:

  • VERSAMENTI.
  • Contratti di locazione: versamento dell’imposta di registro sui contratti di locazione e affitto stipulati in data 01/05/2020 o rinnovati tacitamente con decorrenza dal 01/05/2020. Il versamento può essere differito al 30 giugno 2020, senza applicazione di sanzioni, in conseguenza del differimento a tale data dell’obbligo di comunicazione della proroga dei contratti ai sensi dell’art. 62, commi 1 e 6, del DL 18/2020.
  • Enti non commerciali e agricoltori esonerati: Liquidazione e versamento dell’Iva relativa agli acquisti intracomunitari registrati nel mese precedente

 

  • DICHIARAZIONI.
  • Enti non commerciali e agricoltori esonerati: presentazione INTRA 12 Dichiarazione mensile degli acquisti di beni e servizi da soggetti non stabiliti nel territorio dello Stato effettuati dagli enti non soggetti passivi IVA e dagli agricoltori esonerati (Modello INTRA 12). Ai sensi del decreto legge 17 marzo 2020, n. 18, art. 62, commi 1 e 6, l’adempimento può essere effettuato entro il 30 giugno 2020 senza applicazione di sanzioni.

 

  • COMUNICAZIONI.
  • Comunicazione liquidazioni periodiche IVA effettuate nel primo trimestre solare precedente Comunicazione dei dati delle liquidazioni periodiche IVA effettuate nel primo trimestre solare del 2020, da effettuare utilizzando il modello “Comunicazione liquidazioni periodiche IVA”. Ai sensi del decreto legge 17 marzo 2020, n. 18, art. 62, commi 1 e 6, l’adempimento può essere effettuato entro il 30 giugno 2020 senza applicazione di sanzioni.

 

  • ADEMPIMENTI CONTABILI.
  • Estromissione agevolata di beni dall’impresa individuale Scade il termine per effettuare l’estromissione agevolata dei beni strumentali di cui all’art. 43, comma 2, del D.P.R. n. 917/1986 dall’impresa individuale avvalendosi dell’opzione prevista dall’art. 1, comma 690, della legge n. 160/2019 che richiama l’art. 1, comma 121, della legge n. 208/2015. Ai sensi del decreto legge 17 marzo 2020, n. 18, art. 62, commi 1 e 6, l’adempimento può essere effettuato entro il 30 giugno 2020 senza applicazione di sanzioni.

 

 

15 LUGLIO 2020:

  • COMUNICAZIONI.Comunicazione all’Agenzia delle Entrate dei dati di dettaglio relativi al canone TV addebitabile e accreditabile nelle fatture emesse dalle imprese elettriche riferiti al mese precedente (Articolo 5, comma 1, del Decreto del Ministro dello Sviluppo Economico, di concerto con il Ministro dell’Economia e delle Finanze, 13 maggio 2016, n. 94

 

  • ADEMPIMENTI CONTABILI.
  • Soggetti IVA: Emissione e registrazione delle fatture differite relative a beni consegnati o spediti nel mese solare precedente e risultanti da documento di trasporto o da altro documento idoneo ad identificare i soggetti tra i quali è effettuata l’operazione nonché le fatture riferite alle prestazioni di servizi individuabili attraverso idonea documentazione effettuate nel mese solare precedente
  • ASD, Pro-loco e altre associazioni: Dette associazioni devono annotare, anche con un’unica registrazione, l’ammontare dei corrispettivi e di qualsiasi provento conseguito nell’esercizio di attività commerciali, con riferimento al mese precedente
  • Esercenti commercio al minuto : Registrazione, anche cumulativa, delle operazioni per le quali è rilasciato lo scontrino fiscale o la ricevuta fiscale, effettuate nel mese solare precedente

 

 

16 LUGLIO 2020:

  • VERSAMENTI.
  • Titolari di partita Iva: Versamento 2° rata dell’Irpef, dell’addizionale regionale, comunale  risultante dalle dichiarazioni annuali, a titolo di saldo per l’anno 2019 e di primo acconto per l’anno 2020 con applicazione degli interessi nella misura dello 0,17%
  • Adeguamento alle risultanze degli “Indici Sintetici di Affidabilità Fiscale” (ISA): versamento 2° rate Versamento della 2° rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi, con applicazione degli interessi nella misura dello 0,17%
  • Titolari di partita Iva: Versamento 2° rata dell’acconto d’imposta in misura pari al 20% dei redditi sottoposti a tassazione separata da indicare in dichiarazione e non soggetti a ritenuta alla fonte, con applicazione degli interessi nella misura dello 0,17%
  • Soggetti Ires: Versamento 2° rata dell’Ires, a titolo di saldo per l’anno 2019 e di primo acconto per l’anno 2020, con applicazione degli interessi nella misura dello 0,17%
  • Società “di comodo”: Versamento 2° rata della maggiorazione IRES del 10,5%, a titolo di saldo per l’anno 2019 e di primo acconto per ‘anno 2020, con applicazione degli interessi nella misura dello 0,17%
  • Adeguamento alle risultanze degli “Indici Sintetici di Affidabilità Fiscale” (ISA): Versamento della 2° rata dell’Ires relativa ai maggiori ricavi indicati nella dichiarazione dei redditi, con applicazione degli interessi nella misura dello 0,17%
  • Titolari di partita Iva: Versamento 2° rata dell’Irap risultante dalle dichiarazioni annuali, a titolo di saldo per l’anno 2019 e di primo acconto per l’anno 2020 con applicazione degli interessi nella misura dello 0,17%
  • Titolari di partita Iva: Versamento 2° rata dell’imposta sostitutiva operata nella forma della “cedolare secca”, a titolo di saldo per l’anno 2019 e di primo acconto per l’anno 2020 con applicazione degli interessi nella misura dello 0,17%
  • Regime forfetario agevolato: Versamento 2° rata dell’imposta sostitutiva dell’IRPEF e delle addizionali regionali e comunali e dell’IRAP dovuta in base alla dichiarazione dei redditi REDDITI Persone Fisiche 2020, a titolo di saldo per l’anno 2019 e di primo acconto per l’anno 2020, con applicazione degli interessi nella misura dello 0,17%
  • Regime fiscale di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità: Versamento 2° rata dell’imposta sostitutiva dell’IRPEF e delle addizionali regionali e comunali dovuta in base alla dichiarazione dei redditi REDDITI Persone Fisiche 2020, a titolo di saldo per l’anno 2019 e di primo acconto per l’anno 2020, con applicazione degli interessi nella misura dello 0,17%
  • Versamento dell’imposta sugli intrattenimenti relativi alle attività svolte con carattere di continuità nel mese precedente
  • Sostituti d’imposta: versamento ritenute operate nel mese precedente.
  • Liquidazione e versamento dell’Iva relativa al mese precedente
  • Soggetti che hanno affidato a terzi la contabilità: Liquidazione e versamento dell’Iva relativa al secondo mese precedente
  • Enti pubblici con vincolo di tesoreria unica: liquidazione e versamento Iva mese precedente
  • Split payment: versamento dell’IVA dovuta dalle pubbliche amministrazioni non soggetti passivi IVA a seguito di “scissione dei pagamenti” ai sensi dell’articolo 17-ter del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633
  • Soggetti passivi che facilitano, tramite l’uso di un’interfaccia elettronica quale un mercato virtuale, una piattaforma, un portale o mezzi analoghi, le vendite a distanza di telefoni cellulari, console da gioco, tablet PC e laptop: liquidazione e versamento IVA relativa al mese precedente
  • Versamento rata del saldo Iva dovuta in base alla dichiarazione annuale Versamento 5° rata del saldo IVA relativo all’anno d’imposta 2019 risultante dalla dichiarazione annuale, aumentando dello 0,33% mensile – dovuto a titolo di interessi – l’importo di ogni rata successiva alla prima (per la presente rata, 0,99%)

 

20 LUGLIO 2020:

  • VERSAMENTI.
  • IRPEF: versamento primo acconto 2020 e saldo 2019 Versamento, in unica soluzione o come prima rata, dell’Irpef risultante dalle dichiarazioni annuali, a titolo di saldo per l’anno 2019 e di primo acconto per l’anno 2020, senza alcuna maggiorazione
  • Adeguamento alle risultanze degli “Indici Sintetici di Affidabilità Fiscale” (ISA): Versamento in unica soluzione o come prima rata dell’Irpef relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi, senza maggiorazione
  • Acconto Irpef sui redditi soggetti a tassazione separata da indicare in dichiarazione e non soggetti a ritenuta alla fonte Versamento, in unica soluzione o come prima rata, dell’acconto d’imposta in misura pari al 20% dei redditi sottoposti a tassazione separata da indicare in dichiarazione e non soggetti a ritenuta alla fonte, senza alcuna maggiorazione
  • Addizionale Regionale all’IRPEF: versamento Versamento, in unica soluzione o come prima rata, dell’addizionale regionale all’Irpef risultante dalle dichiarazioni annuali, dovuta per l’anno d’imposta 2019, senza alcuna maggiorazione
  • Addizionale Comunale all’IRPEF: versamento primo acconto 2020 e saldo 2019 Versamento, in unica soluzione o come prima rata, dell’addizionale comunale all’Irpef risultante dalle dichiarazioni annuali, a titolo di saldo per l’anno 2019 e di primo acconto per l’anno 2020, senza alcuna maggiorazione
  • Versamento dell’imposta di bollo relativa alle fatture elettroniche emesse nel secondo trimestre dell’anno Pagamento, in unica soluzione, dell’imposta di bollo relativa alle fatture elettroniche emesse nel secondo trimestre dell’anno. N.B.: Le fatture elettroniche per le quali è obbligatorio l’assolvimento dell’imposta di bollo devono riportare specifica annotazione di assolvimento dell’imposta di bollo ai sensi del D.M. 17 giugno 2014. Ai sensi dell’art. 26, D.L. 8 aprile 2020, n.23, il pagamento può essere effettuato, senza applicazione di interessi e sanzioni, per il primo e secondo trimestre, nei termini previsti per il versamento dell’imposta relativa al terzo trimestre solare dell’anno di riferimento, qualora l’ammontare dell’imposta da versare per le fatture elettroniche emesse nel primo e secondo trimestre solare dell’anno sia inferiore complessivamente a 250 euro
  • IVIE: versamento saldo 2019 e primo acconto 2020 Versamento, in unica soluzione o come prima rata, dell’imposta sul valore degli immobili situati all’estero, a qualsiasi uso destinati, risultante dalle dichiarazioni annuali, a titolo di saldo per l’anno 2019 e di primo acconto per l’anno 2020, senza alcuna maggiorazione
  • IVAFE: versamento saldo 2019 e primo acconto 2020 Versamento, in unica soluzione o come prima rata, dell’imposta sul valore delle attività finanziarie detenute all’estero, risultante dalle dichiarazioni annuali, a titolo di saldo per l’anno 2019 e di primo acconto per l’anno 2020, senza alcuna maggiorazione
  • CEDOLARE SECCA: Versamento, in unica soluzione o come prima rata, dell’imposta sostitutiva operata nella forma della “cedolare secca”, a titolo di saldo per l’anno 2019 e di primo acconto per l’anno 2020, senza alcuna maggiorazione
  • Adeguamento alle risultanze degli “Indici Sintetici di Affidabilità Fiscale” (ISA): Versamento in unica soluzione o come prima rata dell’Iva relativa ai maggiori ricavi o compensi indicati nella dichiarazione dei redditi, senza maggiorazione
  • IVA: Versamento, in unica soluzione o come prima rata, del saldo IVA relativo al 2019 risultante dalla dichiarazione IVA annuale, maggiorato dello 0,40% a titolo di interesse per mese o frazione di mese per il periodo 16/03/2020 – 20/07/2020
  • Soggetti Ires: Versamento, in unica soluzione o come prima rata, del saldo IVA relativo al 2019 risultante dalla dichiarazione annuale, maggiorata dello 0,40% per mese o frazione di mese per il periodo 16/03/2020 – 20/07/2020
  • Soggetti Ires: Versamento, in unica soluzione o come prima rata, dell’Ires, a titolo di saldo per l’anno 2019 e di primo acconto per l’anno 2020, senza alcuna maggiorazione
  • Società “di comodo”: Versamento, in unica soluzione o come prima rata, della maggiorazione IRES del 10,5%, a titolo di saldo per l’anno 2019 e di primo acconto per l’anno 2020, senza alcuna maggiorazione
  • IRAP: Versamento, in unica soluzione o come prima rata, delI’Irap risultante dalle dichiarazioni annuali, a titolo di saldo per l’anno 2019 e di primo acconto per l’anno 2020, senza alcuna maggiorazione. Il versamento è effettuato esclusivamente dai soggetti individuati nell’articolo 24, comma 2, del decreto legge 19 maggio 2020, n. 34
  • Regime fiscale di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità: Versamento, in unica soluzione o come prima rata, dell’imposta sostitutiva dell’IRPEF e delle addizionali regionali e comunali dovuta in base alla dichiarazione dei redditi REDDITI Persone Fisiche 2020, a titolo di saldo per l’anno 2019 e di primo acconto per l’anno 2020, senza alcuna maggiorazione
  • Regime forfetario agevolato: Versamento, in unica soluzione o come prima rata, dell’imposta sostitutiva dell’IRPEF e delle addizionali regionali e comunali e dell’IRAP dovuta in base alla dichiarazione dei redditi REDDITI Persone Fisiche 2020, a titolo di saldo per l’anno 2019 e di primo acconto per l’anno 2020, senza alcuna maggiorazione

 

  • DICHIARAZIONI.
  • Regime speciale IVA MOSS: Trasmissione telematica della dichiarazione relativa alle operazioni effettuate nel trimestre precedente e contestuale versamento dell’Iva dovuta. Trasmissione telematica della dichiarazione trimestrale IVA riepilogativa delle operazioni effettuate nel trimestre precedente e contestuale versamento dell’Iva dovuta in base alla stessa. L’obbligo di comunicazione sussiste anche in caso di mancanza di operazioni nel trimestre.

 

  • COMUNICAZIONI.
  • Comunicazione all’Agenzia delle Entrate dei dati di dettaglio relativi al canone TV addebitato, accreditato, riscosso e riversato nel mese precedente (Articolo 5, comma 2, del Decreto del Ministro dello Sviluppo Economico, di concerto con il Ministro dell’Economia e delle Finanze, 13 maggio 2016, n. 94).

 

 

23 LUGLIO 2020:

  • DICHIARAZIONI.
  • CAF e professionisti abilitati che hanno ricevuto, nel periodo dal 21 giugno al 15 luglio, i modelli 730/2020 dai contribuenti: Con riferimento alle dichiarazioni dei redditi (modello 730/2020) presentate dai contribuenti dal 21 giugno al 15 luglio 2020, i CAF e i professionisti abilitati devono trasmettere, in via telematica, all’Agenzia delle Entrate: le dichiarazioni elaborate (modelli 730/2020); i relativi prospetti di liquidazione (mod. 730-3); il risultato contabile delle dichiarazioni (mod. 730-4); nonché le buste contenenti le schede relative alla destinazione dell’otto, del cinque e del due per mille dell’Irpef (ossia, le buste chiuse contenenti il mod. 730-1)
  • CAF e professionisti abilitati che hanno ricevuto, nel periodo dal 21 giugno al 15 luglio, i modelli 730/2020 dai contribuenti: Con riferimento alle dichiarazioni dei redditi (modello 730/2019) presentate dai contribuenti dal 21 giugno al 15 luglio 2020, i CAF e i professionisti abilitati devono rilasciare al contribuente la copia della dichiarazione dei redditi elaborata (Mod. 730/2020) e del relativo prospetto di liquidazione mod. 730-3
  • Modelli 730/2020 presentati ai CAF o ai professionisti abilitati dal 21 giugno al 15 luglio 2020: Con riferimento alle dichiarazioni dei redditi (modello 730/2019) presentate dal 21 giugno al 15 luglio 2020 ricevono dal CAF o dal professionista abilitato che presta l’assistenza fiscale la copia della dichiarazione elaborata (Mod. 730/2020) e il relativo prospetto di liquidazione mod. 730-3.

 

 

27 LUGLIO 2020:

  • DICHIARAZIONI
  • Scadenza del termine per la PRESENTAZIONE degli ELENCHI riepilogativi (INTRASTAT) delle cessioni di beni e delle prestazioni di servizi rese nel mese precedente nei confronti di soggetti UE (adempimento per gli operatori intracomunitari con obbligo mensile).
  • Scadenza del termine per la PRESENTAZIONE degli ELENCHI riepilogativi (INTRASTAT) delle cessioni di beni e delle prestazioni di servizi rese nel trimestre precedente nei confronti di soggetti UE (adempimento per gli operatori intracomunitari con obbligo trimestrale).

 

30 LUGLIO 2020:

  • VERSAMENTI
  • Versamento, in unica soluzione o come prima rata, dell’Irpef risultante dalle dichiarazioni annuali, a titolo di saldo per l’anno 2019 e di primo acconto per l’anno 2020, con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo – N.B.: il presente adempimento riguarda i versamenti emergenti dalle dichiarazioni dei redditi e dell’IVA dei soggetti non interessati dall’applicazione degli ISA e non forfettari
  • Versamento in unica soluzione o come prima rata, dell’Irpef risultante dalle dichiarazioni annuali, a titolo di saldo per l’anno 2019 e di primo acconto per l’anno 2020, con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo
  • Non titolari di partita Iva: Versamento, in unica soluzione o come prima rata, dell’acconto d’imposta in misura pari al 20% dei redditi sottoposti a tassazione separata da indicare in dichiarazione e non soggetti a ritenuta alla fonte, con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo – N.B.: il presente adempimento riguarda i versamenti emergenti dalle dichiarazioni dei redditi e dell’IVA dei soggetti non interessati dall’applicazione degli ISA e non forfettari
  • Titolari di partita Iva: Versamento in unica soluzione o come prima rata dell’Irpef risultante dalle dichiarazioni annuali, a titolo di saldo per l’anno 2019 e di primo acconto per l’anno 2020 con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo. N.B.: il presente adempimento riguarda i versamenti emergenti dalle dichiarazioni dei redditi e dell’IVA dei soggetti non interessati dall’applicazione degli ISA e non forfettari
  • Titolari di partita Iva: Versamento in unica soluzione o come prima rata dell’acconto d’imposta in misura pari al 20% dei redditi sottoposti a tassazione separata da indicare in dichiarazione e non soggetti a ritenuta alla fonte, con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo N.B.: il presente adempimento riguarda i versamenti emergenti dalle dichiarazioni dei redditi e dell’IVA dei soggetti non interessati dall’applicazione degli ISA e non forfettari
  • Non titolari di partita Iva: Versamento, in unica soluzione o come prima rata, dell’addizionale regionale all’Irpef risultante dalle dichiarazioni annuali, dovuta per l’anno d’imposta 2019, con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo – N.B.: il presente adempimento riguarda i versamenti emergenti dalle dichiarazioni dei redditi e dell’IVA dei soggetti non interessati dall’applicazione degli ISA e non forfettari
  • Non titolari di partita IVA: Versamento, in unica soluzione o come prima rata, dell’addizionale comunale all’Irpef risultante dalle dichiarazioni annuali, a titolo di saldo per l’anno 2019 e di primo acconto per l’anno 2020, con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo – N.B.: il presente adempimento riguarda i versamenti emergenti dalle dichiarazioni dei redditi e dell’IVA dei soggetti non interessati dall’applicazione degli ISA e non forfettari
  • Titolari di partita Iva: Versamento in unica soluzione o come prima rata dell’addizionale regionale all’Irpef risultante dalle dichiarazioni annuali, dovuta per l’anno d’imposta 2019, con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo – N.B.: il presente adempimento riguarda i versamenti emergenti dalle dichiarazioni dei redditi e dell’IVA dei soggetti non interessati dall’applicazione degli ISA e non forfettari
  • Titolari di partita IVA: Versamento in unica soluzione o come prima rata dell’addizionale comunale all’Irpef risultante dalle dichiarazioni annuali, a titolo di saldo per l’anno 2019 e di primo acconto per l’anno 2020 con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo – N.B.: il presente adempimento riguarda i versamenti emergenti dalle dichiarazioni dei redditi e dell’IVA dei soggetti non interessati dall’applicazione degli ISA e non forfettari
  • Non titolari di partita Iva: Versamento, in unica soluzione o come prima rata, dell’acconto d’imposta in misura pari al 20% dei redditi sottoposti a tassazione separata da indicare in dichiarazione e non soggetti a ritenuta alla fonte, con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo – N.B.: il presente adempimento riguarda i versamenti emergenti dalle dichiarazioni dei redditi e dell’IVA dei soggetti non interessati dall’applicazione degli ISA e non forfettari
  • Non titolari di partita Iva: Versamento, in unica soluzione o come prima rata, dell’imposta sul valore degli immobili situati all’estero, a qualsiasi uso destinati, risultante dalle dichiarazioni annuali, a titolo di saldo per l’anno 2019 e di primo acconto per l’anno 2020, con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo – N.B.: il presente adempimento riguarda i versamenti emergenti dalle dichiarazioni dei redditi e dell’IVA dei soggetti non interessati dall’applicazione degli ISA e non forfettari
  • Non titolari di partita Iva: Versamento, in unica soluzione o come prima rata, dell’imposta sul valore delle attività finanziarie detenute all’estero, risultante dalle dichiarazioni annuali, a titolo di saldo per l’anno 2019 e di primo acconto per l’anno 2020, con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo – N.B.: il presente adempimento riguarda i versamenti emergenti dalle dichiarazioni dei redditi e dell’IVA dei soggetti non interessati dall’applicazione degli ISA e non forfettari
  • Titolari di partita Iva: Versamento in unica soluzione o come prima rata dell’acconto d’imposta in misura pari al 20% dei redditi sottoposti a tassazione separata da indicare in dichiarazione e non soggetti a ritenuta alla fonte, con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo N.B.: il presente adempimento riguarda i versamenti emergenti dalle dichiarazioni dei redditi e dell’IVA dei soggetti non interessati dall’applicazione degli ISA e non forfettari
  • Titolari di partita Iva: Versamento in unica soluzione o come prima rata dell’imposta sul valore degli immobili situati all’estero, a qualsiasi uso destinati, risultante dalle dichiarazioni annuali, a titolo di saldo per l’anno 2019 e di primo acconto per l’anno 2020 con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo N.B.: il presente adempimento riguarda i versamenti emergenti dalle dichiarazioni dei redditi e dell’IVA dei soggetti non interessati dall’applicazione degli ISA e non forfettari
  • Titolari di partita Iva: Versamento in unica soluzione o come prima rata dell’imposta sul valore delle attività finanziarie detenute all’estero, risultante dalle dichiarazioni annuali, a titolo di saldo per l’anno 2019 e di primo acconto per l’anno 2020 con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo N.B.: il presente adempimento riguarda i versamenti emergenti dalle dichiarazioni dei redditi e dell’IVA dei soggetti non interessati dall’applicazione degli ISA e non forfettari
  • IVIE: Versamento, in unica soluzione o come prima rata, dell’imposta sul valore degli immobili situati all’estero, a qualsiasi uso destinati, dovuta dal contribuente/ fiduciante a titolo di saldo per l’anno 2019 e di primo acconto per l’anno 2020, con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo – N.B.: il presente adempimento riguarda i versamenti emergenti dalle dichiarazioni dei redditi e dell’IVA dei soggetti non interessati dall’applicazione degli ISA e non forfettari
  • Non titolari di partita Iva: Versamento, in unica soluzione o come prima rata, dell’imposta sostitutiva operata nella forma della “cedolare secca”, a titolo di saldo per l’anno 2019 e di primo acconto per l’anno 2020 con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo – N.B.: il presente adempimento riguarda i versamenti emergenti dalle dichiarazioni dei redditi e dell’IVA dei soggetti non interessati dall’applicazione degli ISA e non forfettari
  • Titolari di partita Iva: Versamento in unica soluzione o come prima rata dell’imposta sostitutiva operata nella forma della “cedolare secca”, a titolo di saldo per l’anno 2019 e di primo acconto per l’anno 2020 con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo N.B.: il presente adempimento riguarda i versamenti emergenti dalle dichiarazioni dei redditi e dell’IVA dei soggetti non interessati dall’applicazione degli ISA e non forfettari
  • Sostituti c.d. “minimi”: Versamento delle ritenute sui redditi di lavoro autonomo operate nell’anno 2019 con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo
  • Sostituti c.d. “minimi”: Versamento ritenute alla fonte su provvigioni corrisposte nell’anno 2019, con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo
  • Sostituti c.d. “minimi”: Versamento ritenute alla fonte su indennità per cessazione del rapporto di agenzia corrisposte nell’anno 2019, con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo
  • Titolare di partita IVA: Versamento in unica soluzione o come prima rata del saldo IVA relativo al 2019 risultante dalla dichiarazione IVA annuale, maggiorata dello 0,40% per mese o frazione di mese per il periodo 16/03/2020 – 30/06/2020, con l’ulteriore maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo. N.B.: il presente adempimento riguarda i versamenti emergenti dalle dichiarazioni dei redditi e dell’IVA dei soggetti non interessati dall’applicazione degli ISA e non forfettari
  • Soggetti Ires tenuti a presentare la dichiarazione IVA: Versamento in unica soluzione o come prima rata del saldo IVA relativo al 2019 risultante dalla dichiarazione annuale, maggiorato dello 0,40% per mese o frazione di mese per il periodo 16/03/2020 – 30/06/2020, con l’ulteriore maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo N.B.: il presente adempimento riguarda i versamenti emergenti dalle dichiarazioni dei redditi e dell’IVA dei soggetti non interessati dall’applicazione degli ISA e non forfettari
  • Soggetti Ires: Versamento, in unica soluzione o come prima rata, del saldo IVA relativo al 2019 risultante dalla dichiarazione annuale, maggiorata dello 0,40% per mese o frazione di mese per il periodo 16/03/2020 – 30/06/2020, con l’ulteriore maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo – N.B.: il presente adempimento riguarda i versamenti emergenti dalle dichiarazioni dei redditi e dell’IVA dei soggetti non interessati dall’applicazione degli ISA e non forfettari
  • Soggetti Ires: Versamento in unica soluzione o come prima rata dell’ Ires risultante dalle dichiarazioni annuali, a titolo di saldo per l’anno 2019 e di primo acconto per l’anno 2020 con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo – N.B.: il presente adempimento riguarda i versamenti emergenti dalle dichiarazioni dei redditi e dell’IVA dei soggetti non interessati dall’applicazione degli ISA e non forfettari
  • Società “di comodo”: Versamento in unica soluzione o come prima rata della maggiorazione IRES del 10,5%, a titolo di saldo per l’anno 2019 e di primo acconto per l’anno 2020, con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo N.B.: il presente adempimento riguarda i versamenti emergenti dalle dichiarazioni dei redditi e dell’IVA dei soggetti non interessati dall’applicazione degli ISA e non forfettari
  • Soggetti Ires: Versamento, in unica soluzione o come prima rata, dell’Ires, a titolo di saldo per l’anno 2019 e di primo acconto per l’anno 2020, con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo – N.B.: il presente adempimento riguarda i versamenti emergenti dalle dichiarazioni dei redditi e dell’IVA dei soggetti non interessati dall’applicazione degli ISA e non forfettari
  • Soggetti che adottano gli IAS/IFRS e che optano per il riallineamento totale delle divergenze ai sensi dell’art. 15, comma 4, del D.L. n. 185/2008: Versamento, in unica soluzione, dell’Ires e dell’Irap sul riallineamento totale delle divergenze (saldo globale) a seguito dell’adozione degli IAS/IFRS, con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo – N.B.: il presente adempimento riguarda i versamenti emergenti dalle dichiarazioni dei redditi e dell’IVA dei soggetti non interessati dall’applicazione degli ISA e non forfettari
  • Società “di comodo”: Versamento, in unica soluzione o come prima rata, della maggiorazione IRES del 10,5%, a titolo di saldo per l’anno 2019 e di primo acconto per l’anno 2020, con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo – N.B.: il presente adempimento riguarda i versamenti emergenti dalle dichiarazioni dei redditi e dell’IVA dei soggetti non interessati dall’applicazione degli ISA e non forfettari
  • Titolari di partita Iva: Versamento in unica soluzione o come prima rata delI’Irap risultante dalle dichiarazioni annuali, a titolo di saldo per l’anno 2019 e di primo acconto per l’anno 2020 con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo. Il versamento è effettuato esclusivamente dai soggetti individuati nell’articolo 24, comma 2, del decreto legge 19 maggio 2020, n. 34. N.B.: il presente adempimento riguarda i versamenti emergenti dalle dichiarazioni dei redditi e dell’IVA dei soggetti non interessati dall’applicazione degli ISA e non forfettari
  • Soggetti Ires tenuti a presentare la dichiarazione IRAP: Versamento in unica soluzione o come prima rata dell’ Irap risultante dalle dichiarazioni annuali, a titolo di saldo per l’anno 2019 e di primo acconto per l’anno 2020 con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo. Il versamento è effettuato esclusivamente dai soggetti individuati nell’articolo 24, comma 2, del decreto legge 19 maggio 2020, n. 34. N.B.: il presente adempimento riguarda i versamenti emergenti dalle dichiarazioni dei redditi e dell’IVA dei soggetti non interessati dall’applicazione degli ISA e non forfettari
  • Soggetti Ires: Versamento, in unica soluzione o come prima rata, dell’Irap, a titolo di saldo per l’anno 2019 e di primo acconto per l’anno 2020, con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo – A norma del comma 1 dell’art. 24 del D.L. 19 maggio 2020, n.34, il versamento non è dovuto da parte dei soggetti individuati dal comma 2 del medesimo articolo. N.B.: il presente adempimento riguarda i versamenti emergenti dalle dichiarazioni dei redditi e dell’IVA dei soggetti non interessati dall’applicazione degli ISA e non forfettari
  • Soggetti che adottano gli IAS/IFRS e che optano per il riallineamento totale delle divergenze ai sensi dell’art. 15, comma 4, del D.L. n. 185/2008: Versamento, in unica soluzione, dell’Ires e dell’Irap sul riallineamento totale delle divergenze (saldo globale) a seguito dell’adozione degli IAS/IFRS, con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo – N.B.: il presente adempimento riguarda i versamenti emergenti dalle dichiarazioni dei redditi e dell’IVA dei soggetti non interessati dall’applicazione degli ISA e non forfettari

 

  • RAVVEDIMENTO
  • Ravvedimento operoso dei tributi che dovevano essere pagati entro il 30 giugno 2020. Ultimo giorno utile per la regolarizzazione dei versamenti di imposte non effettuati o effettuati in misura insufficiente entro il 30 giugno 2020, con maggiorazione degli interessi legali e della sanzione ridotta a un decimo del minimo (ravvedimento breve). N.B. Per beneficiare del ravvedimento operoso è necessario che il pagamento della sanzione ridotta venga eseguito contestualmente alla regolarizzazione del pagamento del tributo o della differenza, quando dovuti, nonché al pagamento degli interessi moratori calcolati al tasso legale con maturazione giorno per giorno

 

31 LUGLIO 2020:

  • VERSAMENTI
  • Non titolari di partita Iva: Versamento 2° rata dell’Irpef risultante dalle dichiarazioni annuali, a titolo di saldo per l’anno 2019 e di primo acconto per l’anno 2020, con applicazione degli interessi nella misura dello 0,33% – N.B.: il presente adempimento riguarda i versamenti emergenti dalle dichiarazioni dei redditi e dell’IVA dei soggetti non interessati dall’applicazione degli ISA e non forfettari
  • Non titolari di partita Iva: Versamento 2° rata dell’acconto d’imposta in misura pari al 20% dei redditi sottoposti a tassazione separata da indicare in dichiarazione e non soggetti a ritenuta alla fonte, con applicazione degli interessi nella misura dello 0,33% – N.B.: il presente adempimento riguarda i versamenti emergenti dalle dichiarazioni dei redditi e dell’IVA dei soggetti non interessati dall’applicazione degli ISA e non forfettari
  • IRPEF: Versamento 2°rata dell’Irpef risultante dalle dichiarazioni annuali, a titolo di saldo per l’anno 2019 e di primo acconto per l’anno 2020, con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo – N.B.: il presente adempimento riguarda i versamenti emergenti dalle dichiarazioni dei redditi e dell’IVA dei soggetti non interessati dall’applicazione degli ISA e non forfettari
  • Acconto Irpef sui redditi soggetti a tassazione separata da indicare in dichiarazione e non soggetti a ritenuta alla fonte con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo
    Versamento 2° rata dell’acconto d’imposta in misura pari al 20% dei redditi sottoposti a tassazione separata da indicare in dichiarazione e non soggetti a ritenuta alla fonte, con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo – N.B.: il presente adempimento riguarda i versamenti emergenti dalle dichiarazioni dei redditi e dell’IVA dei soggetti non interessati dall’applicazione degli ISA e non forfettari
  • Non titolari di partita Iva: Versamento 2° rata dell’addizionale regionale all’Irpef risultante dalle dichiarazioni annuali, dovuta per l’anno d’imposta 2019, con applicazione degli interessi nella misura dello 0,33% – N.B.: il presente adempimento riguarda i versamenti emergenti dalle dichiarazioni dei redditi e dell’IVA dei soggetti non interessati dall’applicazione degli ISA e non forfettari
  • Non titolari di partita IVA: Versamento 2° rata dell’addizionale comunale all’Irpef risultante dalle dichiarazioni annuali, a titolo di saldo per l’anno 2019 e di primo acconto per l’anno 2020, con applicazione degli interessi nella misura dello 0,33% – N.B.: il presente adempimento riguarda i versamenti emergenti dalle dichiarazioni dei redditi e dell’IVA dei soggetti non interessati dall’applicazione degli ISA e non forfettari
  • Addizionale Regionale all’IRPEF: Versamento 2°rata dell’addizionale regionale all’Irpef risultante dalle dichiarazioni annuali, dovuta per l’anno d’imposta 2019, con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo – N.B.: il presente adempimento riguarda i versamenti emergenti dalle dichiarazioni dei redditi e dell’IVA dei soggetti non interessati dall’applicazione degli ISA e non forfettari
  • Addizionale Comunale all’IRPEF: Versamento 2° rata dell’addizionale comunale all’Irpef risultante dalle dichiarazioni annuali, a titolo di saldo per l’anno 2019 e di primo acconto per l’anno 2020, con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo – N.B.: il presente adempimento riguarda i versamenti emergenti dalle dichiarazioni dei redditi e dell’IVA dei soggetti non interessati dall’applicazione degli ISA e non forfettari
  • Non titolari di partita Iva: Versamento 2° rata dell’acconto d’imposta in misura pari al 20% dei redditi sottoposti a tassazione separata da indicare in dichiarazione e non soggetti a ritenuta alla fonte, con applicazione degli interessi nella misura dello 0,33% – N.B.: il presente adempimento riguarda i versamenti emergenti dalle dichiarazioni dei redditi e dell’IVA dei soggetti non interessati dall’applicazione degli ISA e non forfettari
  • Non titolari di partita Iva: Versamento 2° rata dell’imposta sui redditi soggetti a tassazione separata, a ritenuta a titolo d’imposta o a imposta sostitutiva derivanti da pignoramento presso terzi dovuta dal creditore pignoratizio, con applicazione degli interessi nella misura dello 0,33% – N.B.: il presente adempimento riguarda i versamenti emergenti dalle dichiarazioni dei redditi e dell’IVA dei soggetti non interessati dall’applicazione degli ISA e non forfettari
  • Non titolari di partita Iva: Versamento 2° rata dell’imposta sul valore degli immobili situati all’estero, a qualsiasi uso destinati, risultante dalle dichiarazioni annuali, a titolo di saldo per l’anno 2019 e di primo acconto per l’anno 2020, con applicazione degli interessi nella misura dello 0,33% – N.B.: il presente adempimento riguarda i versamenti emergenti dalle dichiarazioni dei redditi e dell’IVA dei soggetti non interessati dall’applicazione degli ISA e non forfettari
  • Non titolari di partita Iva: Versamento 2° rata dell’imposta sul valore delle attività finanziarie detenute all’estero, risultante dalle dichiarazioni annuali, a titolo di saldo per l’anno 2019 e di primo acconto per l’anno 2020, con applicazione degli interessi nella misura dello 0,33% – N.B.: il presente adempimento riguarda i versamenti emergenti dalle dichiarazioni dei redditi e dell’IVA dei soggetti non interessati dall’applicazione degli ISA e non forfettari
  • Acconto Irpef sui redditi soggetti a tassazione separata da indicare in dichiarazione e non soggetti a ritenuta alla fonte con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo. Versamento 2° rata dell’acconto d’imposta in misura pari al 20% dei redditi sottoposti a tassazione separata da indicare in dichiarazione e non soggetti a ritenuta alla fonte, con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo – N.B.: il presente adempimento riguarda i versamenti emergenti dalle dichiarazioni dei redditi e dell’IVA dei soggetti non interessati dall’applicazione degli ISA e non forfettari
  • IVIE: versamento saldo 2019 e primo acconto 2020 con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo. Versamento 2° rata dell’imposta sul valore degli immobili situati all’estero, a qualsiasi uso destinati, risultante dalle dichiarazioni annuali, a titolo di saldo per l’anno 2019 e di primo acconto per l’anno 2020, con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo – N.B.: il presente adempimento riguarda i versamenti emergenti dalle dichiarazioni dei redditi e dell’IVA dei soggetti non interessati dall’applicazione degli ISA e non forfettari
  • Non titolari di partita Iva: versamento 2° rata “cedolare secca” a titolo di saldo 2019 e primo acconto 2020. Versamento 2° rata dell’imposta sostitutiva operata nella forma della “cedolare secca”, a titolo di saldo per l’anno 2019 e di primo acconto per l’anno 2020, con applicazione degli interessi nella misura dello 0,33% – N.B.: il presente adempimento riguarda i versamenti emergenti dalle dichiarazioni dei redditi e dell’IVA dei soggetti non interessati dall’applicazione degli ISA e non forfettari
  • CEDOLARE SECCA: Versamento 2°rata dell’imposta sostitutiva operata nella forma della “cedolare secca”, a titolo di saldo per l’anno 2019 e di primo acconto per l’anno 2020, con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo – N.B.: il presente adempimento riguarda i versamenti emergenti dalle dichiarazioni dei redditi e dell’IVA dei soggetti non interessati dall’applicazione degli ISA e non forfettari
  • Enti non commerciali e agricoltori esonerati: Liquidazione e versamento dell’Iva relativa agli acquisti intracomunitari registrati nel mese precedente
  • Enti non commerciali e agricoltori esonerati: Liquidazione e versamento dell’Iva relativa agli acquisti intracomunitari registrati nel mese precedente
  • Contratti di locazione: Versamento dell’imposta di registro sui contratti di locazione e affitto stipulati in data 01/07/2020 o rinnovati tacitamente con decorrenza dal 01/07/2020
  • Non titolari di partita Iva: Versamento 2° rata dell’imposta sostitutiva sulle plusvalenze e sugli altri redditi diversi di cui alle lettere da C-bis) a C-quinquies del comma 1 dell’art. 67 del TUIR (D.P.R. n. 917/1986) dovuta in base alla dichiarazione dei redditi, con applicazione degli interessi nella misura dello 0,33% – N.B.: il presente adempimento riguarda i versamenti emergenti dalle dichiarazioni dei redditi e dell’IVA dei soggetti non interessati dall’applicazione degli ISA e non forfettari

 

  • DICHIARAZIONI
  • Enti non commerciali e agricoltori esonerati: Dichiarazione mensile degli acquisti di beni e servizi da soggetti non stabiliti nel territorio dello Stato effettuati dagli enti non soggetti passivi IVA e dagli agricoltori esonerati (Modello INTRA 12)

 

  • COMUNICAZIONI
  •  Soggetti passivi che facilitano, tramite l’uso di un’interfaccia elettronica quale un mercato virtuale, una piattaforma, un portale o mezzi analoghi, le vendite a distanza di telefoni cellulari, console da gioco, tablet PC e laptop: Comunicazione delle cessioni di beni e prestazione di servizi effettuate e ricevute verso e da soggetti non stabiliti nel territorio dello Stato relative al mese precedente (c.d. Esterometro). Comunicazione delle cessioni di beni e prestazione di servizi effettuate e ricevute verso e da soggetti non stabiliti nel territorio dello Stato relative al trimestre precedente – N.B.: la comunicazione è facoltativa per tutte le operazioni per le quali è stata emessa una bolletta doganale e quelle per le quali siano state emesse o ricevute fatture elettroniche secondo le regole stabilite nel Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate prot. 89757/2018

 

  • ISTANZE
  •  Rimborsi Iva trimestrali: Presentazione della richiesta di rimborso o utilizzo in compensazione del credito Iva trimestrale (Modello IVA TR)

 

 

 

Per visualizzare tutte le scadenze è consigliabile consultare il Sito web istituzionale dell’Agenzia delle Entrate.