Altre Novità
14 Gennaio 2012

Codice tributo per il versamento di un’imposta della Regione Sardegna sugli aeromobili e le unita’ da diporto: l’Agenzia delle Entrate ne dispone la soppressione a seguito di una pronuncia della Corte Costituzionale.

Scarica il pdf

Con la Risoluzione n. 5 dell’11 gennaio 2012, l’Agenzia delle Entrate ha soppresso il codice tributo “SB15” che era stato istituito nel 2007, insieme ad altri sei codici tributo, in attuazione di una Legge regionale della Sardegna del 2006. I sette codici tributo erano stati istituiti per il versamento, tramite modello F24, dell’imposta regionale sulle plusvalenze derivanti dalla cessione di fabbricati adibiti a seconde case, dell’imposta regionale sulle seconde case ad uso turistico e dell’imposta sugli aeromobili e le unità di diporto.

L’Agenzia delle Entrate ha ricordato le vicende che hanno portato a tale soppressione.

In primo luogo, la Corte Costituzionale, con una pronuncia del 13 febbraio 2008, aveva dichiarato l’illegittimità costituzionale di alcune disposizioni (articoli 2 e 3) della Legge regionale predetta che avevano previsto l’istituzione delle imposte in questione.

A seguito di tale pronuncia della Corte Costituzionale, con una Risoluzione dell’Agenzia delle Entrate del 3 luglio 2008, erano stati già soppressi sei dei sette codici tributo.

La Corte Costituzionale, successivamente, con una Sentenza del 17 giugno 2010, ha dichiarato l’illegittimità costituzionale anche di quella disposizione (articolo 4) della Legge Regionale del 2006 che riguardava specificamente l’imposta regionale sugli aeromobili e le unità di diporto.

Di conseguenza, l’Agenzia delle Entrate ha disposto, con la Risoluzione dell’11 gennaio 2012, la soppressione anche del codice tributo “SB15”, denominato “Accertamento dell’imposta della Regione Sardegna sugli aeromobili ed unità di diporto – articolo 4, Legge regionale 11 maggio 2006, n. 4 – imposta, sanzioni, interessi”.

L’Agenzia delle Entrate ha, infine, precisato che la soppressione del codice tributo avrà efficacia a decorrere dal 15 gennaio 2012.

a cura dell’Avv. Raffaella De Vico.

Maggiori informazioni e approfondimenti sistematici ed esaurienti inviati direttamente alla vostra mail, acquisti la circolare informativa fiscale

Articoli correlati
7 Maggio 2021
Rimborsi ai lavoratori in smart working esclusi da tassazione.

Lavoratori in smart working e tassazione dei rimborsi spese. Arrivano i chiarimenti...

7 Maggio 2021
Sospensione attività di riscossione: arriva la proroga al 31 maggio.

Con un Comunicato Stampa del Ministero dell'Economia e delle Finanze del 30 aprile 2021,...

7 Maggio 2021
Consulenza da parte di professionista non iscritto all’albo: se si tratta di ditta individuale non c’è ritenuta.

Professionista non iscritto ad un albo e ritenuta d'acconto: l'Agenzia delle Entrate...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto