Giudici e redditi da lavoro autonomo: Risoluzione delle Entrate

0 Flares 0 Flares ×

Con Risoluzione 11 dicembre 2007, n. 363, l’Agenzia delle Entrate, ha risposto all’istanza di interpello formulata dal Ministero di Grazia e Giustizia, in merito alla corretta disciplina applicabile, ai fini IRPEF, alle indennità percepite dai magistrati per l’attività resa in uno studio associato o in un’associazione professionale.

Secondo l’Agenzia, sono da considerarsi redditi assimilati al lavoro dipendente, anche se conseguiti nell’esercizio di arti e professioni, solamente i compensi previsti per le tre categorie di giudici onorari, elencati nell’art. 50, comma 1, lettera f), TUIR:

  • Membri di commissione tributaria;
  • Giudici di pace;
  • Esperti del tribunale di sorveglianza.

In tutte le altre ipotesi, i compensi conseguiti nell’esercizio di pubbliche funzioni, sono da considerarsi a tutti gli effetti redditi da lavoro autonomo.

Fonte:  www.seac.it

 

Maggiori informazioni e approfondimenti sistematici ed esaurienti inviati direttamente alla vostra mail, acquista la circolare informativa fiscale