NULL
Altre Novità
30 Aprile 2014

Tasi: pronti i codici tributo per il versamento

Scarica il pdf

Con la Risoluzione n. 46 del 24 aprile 2014, l’Agenzia delle Entrate ha istituito i codici tributo da utilizzare per effettuare il versamento, tramite modello F24, del tributo per i servizi indivisibili Tasi.

I codici tributo istituiti sono: il codice “3958” per il versamento della Tasi sull’abitazione principale e le relative pertinenze; il codice “3959” per la Tasi dovuta per i fabbricati rurali ad uso strumentale; il codice “3960” per la Tasi dovuta per le aree fabbricabili; il codice “3961” per la Tasi dovuta per altri fabbricati.

Nella Risoluzione, è stato precisato che, in caso di ravvedimento, le sanzioni e gli interessi devono essere versati unitamente all’imposta.

I codici possono essere, inoltre, utilizzati anche per il versamento dei tributi dovuti a seguito dell’attività di controllo.

Con la medesima Risoluzione, sono stati istituiti i codici tributo da utilizzare per effettuare il versamento delle sanzioni e degli interessi dovuti a seguito dell’attività di controllo.

Si tratta dei codici “3962“, per il versamento degli interessi, e “3963” per il versamento delle sanzioni.

I codici tributo in questione devono essere inseriti nella sezione “Imu e altri tributi locali” del modello di versamento F24, in corrispondenza delle somme indicate nella colonna degli “Importi a debito versati”.

Inoltre, devono essere inseriti: nel campo “codice ente/codice comune”, il codice catastale del Comune nel cui territorio sono situati gli immobili per i quali viene versato il tributo; nel campo “numero immobili”, il numero degli immobili (massimo tre cifre); nel campo “anno di riferimento”, l’anno d’imposta al quale si riferisce il versamento.

Infine, il campo “Ravv.” deve essere barrato se il versamento si riferisce al ravvedimento; il campo “Acc.” deve essere barrato se il pagamento si riferisce all’acconto; il campo “Saldo” deve essere barrato se il pagamento si riferisce al saldo. Se il versamento avviene in un’unica soluzione per l’acconto ed il saldo, devono essere barrate entrambe le caselle.

Articoli correlati
7 Giugno 2024
“Agevolazioni fiscali in edilizia” presentazione ufficiale del decreto

Presentazione ufficiale del decreto "Agevolazioni fiscali in edilizia".Sono state...

7 Giugno 2024
Pubblicato il modello 770/2024: invio entro il 31 ottobre

Il 26 febbraio 2024 vede la luce la versione definitiva del modello 770/2024, incluse le...

7 Giugno 2024
Veicoli di investimento non residenti: decreto MEF in fase di pubblicazione

Il percorso per l'approvazione del decreto ministeriale sui requisiti di indipendenza...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto