lavoro ufficio 22

Visto di conformità per l’utilizzo di crediti di importo superiore a 15.000 Euro: forniti i chiarimenti sugli adempimenti che i professionisti devono osservare per apporlo

0 Flares 0 Flares ×

Nella Circolare n. 28 del 25 settembre 2014, l’Agenzia delle Entrate ha fornito alcuni chiarimenti in merito al visto di conformità necessario in caso di utilizzo di crediti di importo superiore a 15.000 Euro.

Le nuove norme della Legge n. 147 del 27 dicembre 2013 prevedono che l’obbligo di apposizione del visto di conformità, già esistente per l’utilizzo di crediti Iva di importo superiore ai 15.000 Euro annui, sia esteso alle ipotesi di utilizzo di crediti riguardanti le imposte sui redditi, le relative addizionali, le ritenute alla fonte, le imposte sostitutive delle imposte sul reddito e l’Irap, qualora gli importi siano superiori ai 15.000 Euro annui.

In particolare, in tale Circolare, l’Agenzia si occupa degli adempimenti che incombono sui professionisti che intendono apporre il visto di conformità sulle dichiarazioni.

In primo luogo, è precisato che il professionista che abbia già comunicato di voler apporre i visti di conformità, in virtù della normativa preesistente, non dovrà presentare una nuova comunicazione, purché la polizza assicurativa presentata all’Agenzia delle Entrate in precedenza non sia limitata a determinate dichiarazioni. In quest’ultima ipotesi, il professionista dovrà integrare la documentazione a suo tempo depositata con una polizza assicurativa che copra anche tale attività di visto.

Ulteriori chiarimenti sono forniti riguardo ai soggetti legittimati ad apporre il visto di conformità.

Inoltre, vengono precisati gli adempimenti preliminari che devono essere osservati.

Un paragrafo della Circolare è, poi, dedicato all’abilitazione alla trasmissione telematica delle dichiarazioni. Il professionista che intende apporre il visto, infatti, deve essere in possesso dell’abilitazione alla trasmissione telematica delle dichiarazioni fiscali, rilasciata dall’Agenzia delle Entrate.

I paragrafi successivi della Circolare sono dedicati alla polizza assicurativa, ai controlli, alle modalità ed all‘ambito di applicazione dell’obbligo di apposizione del visto di conformità ed alle sanzioni.

Chiudono la Circolare una check-list dei controlli che devono essere effettuati prima dell’apposizione del visto di conformità, con riferimento ai crediti derivanti dalla dichiarazione Unico PF e SP e Unico SC, alla dichiarazione Irap ed alla dichiarazione 770, ed una serie di moduli che possono essere utilizzati ai fini della comunicazione richiesta per poter procedere all’apposizione del visto.

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Pin It Share 0 LinkedIn 0 Email -- 0 Flares ×