Novità Iva
19 Maggio 2008

Pene più severe per le frodi fiscali: Sentenza della Cassazione

Scarica il pdf

Con Sentenza 8 maggio 2008, n. 18765, la Corte di Cassazione si è espressa in merito al reato di cui all’art. 2, D.Lgs. N. 74/2000, relativo alla dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti.

In particolare, la Suprema corte distingue il suddetto reato nel seguente modo:

  • “semplice”, qualora l’indicazione degli elementi passivi fittizi sia contenuta in una sola dichiarazione o nella dichiarazione unificata prevista per l’imposta sui redditi e per l’IVA, relative allo stesso periodo d’imposta;
  • “continuato”, qualora l’indicazione degli elementi passivi fittizi sia contenuta in due separate dichiarazioni, presentate per l’imposta sui redditi e per l’IVA relative allo stesso periodo d’imposta.

Di conseguenza, nel caso in cui il contribuente indichi nelle due distinte dichiarazioni (dei redditi ed IVA) elementi passivi fittizi, si assisterà ad un inasprimento della pena, in quanto il reato viene commesso con due azioni distinte, entrambe finalizzate alla frode fiscale.

 

Fonte:  www.seac.it

 

Maggiori informazioni e approfondimenti sistematici ed esaurienti inviati direttamente alla vostra mail, acquista la circolare informativa fiscale

 

Articoli correlati
23 Luglio 2021
Decreto Sostegni bis: ecco le modalità di applicazione del credito d’imposta per sanificazione ed acquisto dispositivi di protezione.

Con un Provvedimento del Direttore dell'Agenzia delle Entrate del 15 luglio 2021, sono...

23 Luglio 2021
Bonus facciate: sì ad interventi su parapetti dei balconi.

Nuovi chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate riguardo all'applicazione del "bonus...

23 Luglio 2021
Sisma bonus per acquirenti: sì se l’asseverazione è presentata tardivamente per nuova zona sismica.

L'Agenzia delle Entrate ha affrontato una nuova questione relativa all'applicazione del...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto