Crediti e debiti espressi in valuta: chiarimenti dall’Agenzia delle Entrate

Con Risoluzione 17 giugno 2005, n. 80, l’Agenzia delle Entrate ha fornito dei chiarimenti in merito alle novità introdotte nelle modalità di valutazione dei debiti e dei crediti espressi in valuta, di cui all’articolo 110, TUIR, dal Decreto Legislativo 28 febbraio 2005, n. 38. In particolare, la Risoluzione chiarisce che:

· tutti i crediti e tutti i debiti non immobilizzati, espressi in valuta estera, devono essere valutati secondo il cambio alla data di chiusura dell’esercizio;

· tra le immobilizzazioni possono essere iscritti solamente i crediti a medio/lungo termine, e non anche i debiti. Ne consegue che anche i debiti a medio/lungo termine, non potendo essere mai classificati tra le immobilizzazioni, devono essere sempre valutati al cambio della data di chiusura dell’esercizio;

· le novità previste dal Decreto Legislativo n. 38/2005 sono entrate in vigore a decorrere dal 2005.

Fonte:  www.seac.it