Per aprire la partita Iva come devo fare?

E’ necessario recarsi presso l’Ufficio delle Entrate competente in riferimento al proprio domicilio fiscale. Il contribuente o il legale rappresentante deve compilare un modulo, e presentarlo allo Sportello. L’Ufficio comunicherà immediatamente il numero di Partita Iva assegnato. Non è prevista alcuna spesa per l’attribuzione della Partita Iva.

Sono un imprenditore che svolge abitualmente operazioni esenti che ha effettuato operazioni imponibili nell’ambito di un’attività gestita con contabilità separata. Volevo sapere se sono esonerato dalla presentazione della dichiarazione annuale IVA.

L’esonero non si applica qualora il contribuente abbia effettuato anche operazioni imponibili ancorché riferite ad attività gestite con contabilità separata. Leggi la definizione di: – Iva – Tributo – Imposta – Imposte indirette Consulta la normativa su: – Imposta sul Valore Aggiunto

Condono tombale – Quanto devo versare?

Il versamento per le imposte sui redditi e relative addizionali, le imposte sostitutive, l’Irap e dell’imposta sul patrimonio netto deve essere pari al 8% delle imposte lorde e delle imposte sostitutive risultanti dalla dichiarazione originariamente presentata; se ciascuna imposta lorda o sostitutiva è risultata di ammontare superiore ad € 10.000, sulla parte eccedente si applica […]

Su quali immobili o terreni va pagata l’Ici?

L’art. 2 del Dlgs 504/1992 sottopone ad Ici: – le unità immobiliari iscritte o da iscrivere nel catasto edilizio urbano – le aree utilizzabili a scopo edificatorio in base agli strumenti urbanistici generali o attuativi – i terreni adibiti all’esercizio delle attività dirette alla coltivazione del fondo, della silvicoltura, e all’allevamento del bestiame ed attività […]

Chi è esonerato dal versamento dell’acconto Iva?

Sono esonerati dal versamento dell’acconto : – i soggetti che nell’anno precedente avevano un debito di importo inferiore ad Euro 103,29 oppure vantavano un credito d’imposta; – i contribuenti che dovrebbero versare un importo inferiore ad Euro 103,29; – i contribuenti che hanno fondato motivo di prevedere che chiuderanno l’anno di imposta con un debito […]

Se cambia il possesso dell’immobile, a chi spetta la detrazione del 36% se non è trascorso l’intero periodo di godimento?

L’articolo 1 della legge 449/97 e la Circolare ministeriale n. 57/E del 1998 hanno disciplinato l’ipotesi di variazione della titolarità dell’immobile sul quale sono stati eseguiti lavori di ristrutturazione o manutenzione prima che sia trascorso l’intero periodo prescelto – cinque o dieci anni – per fruire della detrazione. In particolare: – Vendita: nel caso in […]

Cos’è il ravvedimento operoso?

Qualora ci sia un mancato o insufficiente versamento (o in altri casi di irregolarità), è possibile pagare una minore sanzione purchè si paghi quanto omesso entro un determinato periodo. Se si provvede a versare le imposte entro trenta giorni dalla scadenza, è possibile pagare solamente il 3,75% dell’imposta evasa, insieme agli interessi (in ragione del […]

Quali sono le caratteristiche della società in accomandita per azioni?

Nelle società in accomandita per azioni i soci accomandatari rispondono solidalmente ed illimitatamente per le obbligazioni sociali, mentre i soci accomandanti, come tutti i soci delle società per azioni, sono obbligati nei limiti della quota di capitale sottoscritta. Le quote di partecipazione dei soci sono rappresentate da azioni. I soci accomandatari sono di diritto anche […]

Scritto in Faq

Devo effettuare dei lavori di ristrutturazione presso la mia abitazione. Quali sono le agevolazioni fiscali previste e come usufruirne?

La finanziaria 2008 ha previsto delle proroghe per le agevolazioni fiscali in materia di ristrutturazioni edilizie i cui benefici si estendono anche per il triennio 2008/2010. Per gli interventi di ristrutturazione è prevista una detrazione del 36% delle spese sostenute per un importo non superiore ad Euro 48.000. La possibilità di portare in detrazione dell’Irpef […]