NULL
Principi Contabili
Scritto da:
1 Gennaio 1970

IAS 38 Attività immateriali – Cessazioni e dismissioni

Scarica il pdf

103. Un’attività immateriale non deve più essere trattata in bilancio come tale (eliminata dal bilancio) in caso di dismissione o nel caso in cui dall’uso o dalla successiva dismissione non è atteso alcun beneficio economico.

104. Utili e perdite derivanti dalla cessazione o dalla dismissione di un’attività immateriale devono essere determinati come differenza tra i proventi netti derivanti dalla dismissione e il valore contabile dell’attività e devono essere rilevati come provento o costo in conto economico.

105. Se un’attività immateriale viene permutata con un’attività simile in base alle circostanze descritte nel paragrafo 35, il costo dell’attività acquisita è uguale al valore contabile dell’attività dismessa e conseguentemente non vi è alcun utile o perdita.

106. Un’attività immateriale che viene tolta dall’uso attivo e destinata alla cessione è iscritta al valore contabile alla data in cui l’attività è tolta dall’uso attivo. Come minimo a ogni chiusura di esercizio, l’impresa verifica se l’attività ha subito una perdita durevole di valore secondo le disposizioni dello IAS 36, Riduzione durevole di valore delle attività, e, in relazione a ciò, rileva qualsiasi perdita durevole di valore.

Articoli correlati
23 Settembre 2022
La fatturazione elettronica

Pubblichiamo un utile riepilogo sulla fatturazione elettronica, a tre anni di distanza...

23 Settembre 2022
Bonus chef: ecco le modalità di attuazione.

Con un Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico, adottato di concerto con il...

23 Settembre 2022
Nuovi chiarimenti sulla nomina del rappresentante fiscale.

Chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate riguardo alla possibilità per le società...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto