Memento Pratico Contratti di lavoro atipici

0 Flares 0 Flares ×

Titolo: Memento Pratico Contratti di lavoro atipici  

Autore: Redazione Lavoro di Ipsoa – Francis Lefebvre

Editore: Ipsoa-Francis Lefebvre

Prezzo: Euro 90

Questo manuale si presenta come una novità dei Memento Pratico dell’Ipsoa – Francis Lefebvre, dal titolo “Contratti di lavoro atipici”, ed è dedicato all’esame di tutti i contratti di lavoro diversi dal tipico lavoro subordinato a tempo pieno ed indeterminato.

Nell’introduzione dell’opera vengono indicati i criteri in base ai quali, nella trattazione, sono stati suddivisi i contratti. Si parla di tre diverse tipologie di contratti: i contratti flessibili, i contratti particolari distinti sulla base del soggetto con il quale vengono instaurati, i rapporti di lavoro agevolati. Vengono descritte brevemente le caratteristiche principali dei contratti in questione e, attraverso alcune tabelle, vengono individuate le parti del libro nelle quali ciascun contratto è trattato.

La prima parte riguarda la disciplina generale ed è suddivisa in un primo capitolo dedicato al contratto di lavoro, e in particolare alla subordinazione, all’instaurazione del rapporto, all’esecuzione del contratto, alla sospensione ed alla cessazione del rapporto, alle sanzioni, ed in un secondo capitolo nel quale vengono trattati i contributi, i premi e le imposte (iscrizione agli Enti previdenziali ed assistenziali, calcolo degli oneri sociali e fiscali, denunce, versamento e sanzioni).

Quindi, la seconda parte è dedicata all’analisi dei contratti flessibili. Si tratta dell’associazione in partecipazione, della collaborazione coordinata e continuativa, del lavoro a termine, del lavoro a domicilio, del lavoro autonomo occasionale, del lavoro in job sharing, del lavoro intermittente, del lavoro part-time, del lavoro accessorio, della somministrazione e del tirocinio.

La terza parte del manuale riguarda i rapporti di lavoro particolari: i contratti degli agenti e rappresentanti, dei dirigenti, dei familiari, dei lavoratori in missione temporanea all’estero, dei lavoratori in regime di appalto, dei minori, degli organi di società (amministratori, soci e sindaci), dei soci di cooperative di lavoro, degli stranieri.

Nella quarta parte, infine, vengono trattati i contratti agevolati: gli apprendisti, i beneficiari di prestazioni a sostegno del reddito (lavoratori in mobilità, disoccupati, lavoratori in Cassa Integrazione, destinatari di ammortizzatori sociali in deroga), i lavoratori con contratto di inserimento, i sostituti di assenti per maternità, i lavoratori del Mezzogiorno, i “precari” con figli minori.

Il quadro degli argomenti trattati, come si può vedere, è molto ampio.

Chiudono l’opera l’appendice particolarmente utile, in quanto contiene il formulario, con tutte le principali clausole ed i contratti di lavoro esaminati nel volume, oltre alla principale modulistica relativa alle tipologie di rapporti di lavoro, diverse tabelle (come quella dei contratti collettivi, dei minimali contributivi, dei codici UniEmens e così via), le principali fonti normative ed il glossario degli istituti fondamentali, e, infine, il particolareggiato indice analitico costruito intorno alle situazioni concrete.

L’analisi dei differenti rapporti di lavoro si sviluppa in maniera chiara ed approfondita. Come in tutti i Memento Pratico dell’Ipsoa, l’esposizione dei diversi aspetti è accompagnata da numerosi schemi, tabelle ed esempi pratici, che chiariscono i concetti e permettono di individuare rapidamente le questioni fondamentali e le soluzioni concrete più adatte.

A dimostrazione di come quest’opera sia stata abilmente costruita, all’inizio di ciascun capitolo dedicato al singolo contratto, in uno schema sintetico, ma estremamente efficace, vengono individuati, per quel tipo di contratto, le situazioni nelle quali conviene stipularlo, i vantaggi che si accompagnano alla sua stipula ed i vincoli che dovranno essere rispettati per la sua conclusione. Ad esempio, riguardo al rapporto di collaborazione coordinata e continuativa, viene detto che conviene instaurarla per il compimento di un’opera o di un servizio specifico, realizzabili in autonomia; ha come vantaggi la flessibilità, il recesso senza obbligo di preavviso e senza i vincoli del lavoro subordinato, il minore onere contributivo; ha come vincolo la necessità dell’individuazione precisa e dettagliata di un progetto/programma/ fase di lavoro.

Il punto di vista preso in considerazione nell’esposizione dei diversi argomenti è, come appare evidente, soprattutto quello del datore di lavoro. L’opera è destinata alle aziende, ed ai loro consulenti, ed è soprattutto finalizzata all’individuazione del contratto di lavoro più idoneo a soddisfare le loro esigenze. In un quadro complesso ed in continua evoluzione come quello esistente in questa materia, il Memento Pratico Contratti di lavoro atipici può rappresentare senza dubbio un’interessante lettura ed uno strumento da utilizzare per farsi chiarezza e, quindi, prendere decisioni e risolvere questioni pratiche.

 

Testo recensito dall’ Avv. Raffaella De Vico

Per l’acquisto o per prendere visione di un estratto del libro:
www.memento.it

http://www.memento.it/lavoro/memento_pratico_contratti_di_lavoro_atipici_2011_p99.aspx

Questo contenuto è stato inserito in Libri. Aggiungi ai preferiti il permalink.