agricoltura 17

Ortaggi surgelati: si applica l’aliquota Iva ridotta anche se c’è aggiunta di olio

0 Flares 0 Flares ×

Sono stati richiesti chiarimenti all’Agenzia delle Entrate riguardo all’aliquota Iva da applicare a prodotti vegetali surgelati.

In particolare, la richiesta di consulenza giuridica presentata dall’istante riguarda la corretta aliquota Iva applicabile agli ortaggi grigliati surgelati che contengono una quantità minima di olio utilizzato come coadiuvante tecnologico.

Nella Risposta n. 16 del 15 maggio 2019, l’Agenzia delle Entrate ha riportato il parere tecnico dell’Agenzia delle Dogane che è stato allegato all’istanza di consulenza giuridica. In questo parere, viene affermato che i prodotti oggetto del quesito possono essere qualificati nell’ambito del Capitolo 07 della Tariffa Doganale “Ortaggi o legumi, piante, radici e tuberi commestibili” e, nello specifico, alla voce 0710: “Ortaggi o legumi, anche cotti in acqua o al vapore, congelati”.

Inoltre, è precisato che l’aggiunta di una piccola percentuale di olio sul prodotto non ne modifica la classificazione, in quanto gli ortaggi non sono prefritti. Come dichiarato dall’istante, infatti, l’olio non ha alcuna funzione di condimento, ma serve, invece, come anti agglomerante che, favorendo il distacco delle fette di prodotto, ha lo scopo di mantenere disgregati i pezzi.

Pertanto, la conclusione espressa dall’Agenzia delle Entrate è che a tali prodotti è applicabile l’aliquota Iva del 4 %.