Novità Iva
18 Novembre 2016

Errori ed omissioni per le dichiarazioni Iva: in arrivo nuove comunicazioni dell’Agenzia delle Entrate

Scarica il pdf

L’Agenzia delle Entrate ha definito le modalità secondo le quali verranno messe a disposizione dei contribuenti alcune informazioni che li riguardano al fine di incrementare la collaborazione tra i contribuenti medesimi e l’Amministrazione finanziaria, di incentivare l’adempimento spontaneo degli obblighi tributari e la regolarizzazione degli eventuali errori od omissioni commessi.

In particolare, l’Agenzia delle Entrate, con il Provvedimento del Direttore dell’Agenzia del 17 novembre 2016, ha focalizzato la propria attenzione su coloro che non hanno presentato la dichiarazione Iva o che hanno presentato la dichiarazione Iva ma con la compilazione del solo quadro VA. Tali soggetti riceveranno delle comunicazioni.

Le comunicazioni dell’Agenzia delle Entrate che verranno recapitate ai contribuenti conterranno:

  • codice fiscale e denominazione o cognome e nome del contribuente;
  • numero identificativo della comunicazione e anno d’imposta;
  • comunicazione annuale dei dati IVA presentata relativa al 2015;
  • dichiarazione IVA presentata relativa al 2015 (se presente nell’Anagrafe tributaria);
  • protocollo identificativo e data di invio della comunicazione annuale Iva e della dichiarazione Iva predette.

Le comunicazioni in questione verranno trasmesse agli indirizzi di Posta Elettronica Certificata attivati dai contribuenti. Le comunicazioni saranno, altresì, consultabili nel “Cassetto fiscale” dei soggetti interessati.

Inoltre, i contribuenti, anche mediante gli intermediari incaricati della trasmissione delle dichiarazioni, potranno richiedere delle informazioni o segnalare all’Agenzia delle Entrate eventuali elementi, fatti e circostanze non conosciuti dalla stessa, seguendo le modalità indicate nella comunicazione ricevuta.

Le informazioni comunicate dall’Agenzia delle Entrate ai contribuenti saranno rese disponibili anche alla Guardia di Finanza tramite strumenti informatici.

Secondo quanto previsto nel Provvedimento del 17 novembre, i contribuenti che non hanno presentato la dichiarazione IVA relativa al 2015 potranno regolarizzare la loro posizione presentando la dichiarazione entro novanta giorni dal 30 settembre 2016 ed effettuando il versamento delle sanzioni in misura ridotta.

I contribuenti che hanno presentato la dichiarazione IVA relativa al 2015, ma con la compilazione del solo quadro VA, potranno regolarizzare gli errori e le omissioni eventualmente commessi, beneficiando di una riduzione delle sanzioni a seconda del tempo trascorso dalla commissione delle violazioni, secondo le regole del ravvedimento operoso.

Articoli correlati
7 Maggio 2021
Rimborsi ai lavoratori in smart working esclusi da tassazione.

Lavoratori in smart working e tassazione dei rimborsi spese. Arrivano i chiarimenti...

7 Maggio 2021
Sospensione attività di riscossione: arriva la proroga al 31 maggio.

Con un Comunicato Stampa del Ministero dell'Economia e delle Finanze del 30 aprile 2021,...

7 Maggio 2021
Consulenza da parte di professionista non iscritto all’albo: se si tratta di ditta individuale non c’è ritenuta.

Professionista non iscritto ad un albo e ritenuta d'acconto: l'Agenzia delle Entrate...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto