Novità Iva
12 Ottobre 2013

Emissione di fatture per operazioni inesistenti: rilevante l’aver effettuato acquisti estranei alla propria attivita’.

Scarica il pdf

La Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione, nella Sentenza n. 41696 del 9 ottobre 2013, ha riconosciuto la legittimità del sequestro dei beni dei quali l’imprenditrice, indagata per i reati fiscali di dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture inesistenti ed emissione di fatture per operazioni inesistenti, aveva la disponibilità.

In particolare, nel caso sottoposto all’esame della Corte, i Giudici del merito avevano accertato la sussistenza del fumus dei reati finanziari, rilevando che la ditta dell’indagata aveva effettuato per due anni acquisti di pellami e calzature, benché esercitasse l’attività di pulizie. Inoltre, gli acquisti erano stati effettuati da due ditte facenti capo a personaggi con precedenti di Polizia.

Sulla base di tale accertamento di fatto, il sequestro non poteva non ritenersi corretto.

a cura dell’Avv. Raffaella De Vico.

Articoli correlati
24 Settembre 2021
L’oggetto sociale della start-up innovativa.

I requisiti richiesti dalla legge. Per ottenere la qualifica di start-up innovativa...

24 Settembre 2021
Immobili in corso di definizione: ammesso il Superbonus a certe condizioni.

Nuovi chiarimenti sull'applicazione del Superbonus. Il contribuente istante è...

24 Settembre 2021
Detassazione per contributi ed indennità per emergenza Coronavirus.

Il nuovo quesito affrontato dall'Agenzia delle Entrate riguarda il corretto trattamento...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto