Novità Iva
26 Febbraio 2011

Diritti sulle quote tonno rosso come beni immateriali ammortizzabili: si applica l’Iva ordinaria e puo’ essere richiesto il rimborso.

Scarica il pdf

Con la Risoluzione n. 20 del 22 febbraio 2011, l’Agenzia delle Entrate ha risposto ad un quesito che le era stato posto riguardo al trattamento fiscale, ai fini Iva, delle cessioni dei diritti “quote tonno rosso”.

La società interpellante, dedita all’attività di pesca professionale, ha sostenuto che l’acquisto della “quota tonno rosso” da altra società commerciale possa essere equiparato all’acquisto di dotazioni di bordo e, quindi, possa rientrare nell’ambito di applicazione dell’art. 8 bis del D.P.R. n. 633 del 1972 che prevede la non imponibilità ai fini Iva degli acquisti di provviste e dotazioni di bordo per le navi destinate all’esercizio di attività commerciali o della pesca.

Oppure, ha affermato ancora la società interpellante, il diritto “quota tonno rosso” potrebbe essere riconducibile all’art. 3, comma 2, n. 2, del D.P.R. n. 633 del 1972 secondo il quale costituiscono prestazioni di servizi, se effettuate dietro pagamento di corrispettivo, le cessioni, le concessioni, le licenze e simili, relative a diritti d’autore. In quest’ultima ipotesi l’Iva potrebbe, in presenza dei presupposti, essere richiesta a rimborso.

L’Agenzia delle Entrate ha affermato che debba essere seguita la seconda soluzione della questione. Ha sostenuto, infatti, che, essendo in Italia il diritto in questione necessariamente connesso con lo svolgimento dell’attività di pesca professionale, rientra tra le componenti dell’impresa e può essere inquadrato nella categoria dei beni immateriali, come le licenze, le concessioni e simili.

Quindi, le cessioni dei diritti “quote tonno rosso” devono essere assoggettate ad Iva ordinaria. L’Iva relativa all’acquisto di tali diritti immateriali e, quindi, relativa a beni immateriali ammortizzabili, potrà essere richiesta a rimborso, in base a quanto previsto dall’art. 30, comma 3, lett. c), del D.P.R. n. 633 del 1972.

L’Agenzia ha, altresì, precisato che in questa ipotesi è applicabile anche l’art. 38-bis, secondo comma, del Decreto Iva, che consente al contribuente di ottenere il rimborso per periodi inferiori all’anno, mediante presentazione del modello TR. Ciò, in particolare, quando gli acquisti di beni ammortizzabili raggiungono un ammontare superiore ai due terzi dell’ammontare complessivo degli acquisti di beni e servizi imponibili ai fini Iva.   

 

a cura dell’Avv. Raffaella De Vico.

Maggiori informazioni e approfondimenti sistematici ed esaurienti inviati direttamente alla vostra mail, acquisti la circolare informativa fiscale

Articoli correlati
23 Luglio 2021
Decreto Sostegni bis: ecco le modalità di applicazione del credito d’imposta per sanificazione ed acquisto dispositivi di protezione.

Con un Provvedimento del Direttore dell'Agenzia delle Entrate del 15 luglio 2021, sono...

23 Luglio 2021
Bonus facciate: sì ad interventi su parapetti dei balconi.

Nuovi chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate riguardo all'applicazione del "bonus...

23 Luglio 2021
Sisma bonus per acquirenti: sì se l’asseverazione è presentata tardivamente per nuova zona sismica.

L'Agenzia delle Entrate ha affrontato una nuova questione relativa all'applicazione del...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto