lavoratore autonomo professionista

Regime forfetario: le nuove regole valgono dal 2020

0 Flares 0 Flares ×

Nella Risoluzione n. 7 dell’11 febbraio 2020, l’Agenzia delle Entrate ha fornito alcuni chiarimenti in merito alle modifiche introdotte al regime forfetario dalla Legge di Bilancio per il 2020.

Ricordiamo che la nuova disciplina del regime forfetario prevede che possano accedervi i contribuenti persone fisiche esercenti attività d’impresa, arti o professioni che, nell’anno precedente, hanno conseguito ricavi o percepito compensi di importo non superiore a 65.000 Euro ed hanno sostenuto spese per il personale e per il lavoro accessorio di importo non superiore a 20.000 Euro.

Inoltre, è ora prevista come causa di esclusione dal regime forfetario, l’ipotesi nella quale, nel periodo d’imposta precedente, il contribuente abbia percepito redditi di lavoro dipendente o assimilati di importo lordo superiore a 30.000 Euro.

Con riguardo all’individuazione del periodo d’imposta a partire dal quale le modifiche alla disciplina producono effetto, il limite delle spese relative al personale deve essere verificato con riferimento all’anno precedente all’applicazione del regime forfetario. Di conseguenza, i contribuenti che nell’anno 2019 hanno superato i limiti posti dalla nuova disciplina non potranno accedere al regime forfetario nel 2020.

Anche per quanto riguarda la causa di esclusione della percezione di redditi di lavoro dipendente o assimilati superiori ad un certo limite, essa opera già dal periodo d’imposta 2020 se i contribuenti, nel 2019, hanno percepito redditi di lavoro dipendente o assimilati in misura superiore ai 30.000 Euro.

L’Agenzia delle Entrate ha, altresì, evidenziato che le nuove regole non impongono alcun adempimento immediato che garantisca la permanenza nel regime forfetario. Si tratta, piuttosto, di verificare l’eventuale superamento delle soglie previste dalla nuova disciplina.

L’eventuale fuoriuscita dal regime forfetario, inoltre, determinerà per il contribuente l’adozione del regime ordinario, seguendo regole che già esistevano nell’ambito della disciplina del regime forfetario.