NULL
Novità Irpef - Ires
11 Luglio 2014

Irap: il ricorso al lavoro di altri professionisti non comporta necessariamente l’esistenza di un’autonoma organizzazione

Scarica il pdf

La Sezione Tributaria della Corte di Cassazione, con la Sentenza n. 15020 del 2 luglio 2014, ha accolto il ricorso proposto da un commercialista contro la pronuncia della Commissione Tributaria Regionale che gli aveva negato il diritto al rimborso dell’Irap versata.

In particolare, il contribuente contestava che i Giudici di secondo grado avevano dedotto l’esistenza di un’autonoma organizzazione da una situazione nella quale il professionista operava da solo, senza collaboratori o dipendenti, servendosi soltanto di pochi beni, come un computer, il mobilio per l’ufficio ed un’autovettura ad uso promiscuo, e ricorrendo soltanto saltuariamente, per competenze estranee al proprio lavoro, ad altri professionisti con studio separato e diverso da quello del contribuente.

La Corte di Cassazione, richiamando il proprio orientamento consolidato in materia di Irap, ha ritenuto fondate le ragioni del contribuente ed ha, quindi, accolto il suo ricorso introduttivo.

Articoli correlati
26 Novembre 2021
Quando si può parlare di commercio elettronico indiretto e quali sono i relativi obblighi di certificazione?

Commercio elettronico indiretto ed obblighi di certificazione. A presentare l'istanza...

26 Novembre 2021
Eredi del professionista: quali sono gli obblighi Iva da adempiere?

Nel caso di morte del professionista, quali sono gli adempimenti Iva a carico degli...

26 Novembre 2021
Subentro nella locazione della casa del portiere: si può optare per la cedolare secca.

Il quesito posto all'Agenzia delle Entrate riguarda l'applicabilità della cedolare...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto