Novità Irpef - Ires
8 Dicembre 2012

Sisma in Emilia: finanziamento garantito dallo Stato anche per le ritenute dei lavoratori dipendenti.

Scarica il pdf

Nella Circolare n. 46 del 6 dicembre 2012, l’Agenzia delle Entrate ha fornito ulteriori chiarimenti riguardo al finanziamento garantito dallo Stato previsto in favore di coloro che sono stati colpiti dal sisma del maggio 2012, per il pagamento dei tributi, dei contributi previdenziali e dei premi assicurativi obbligatori.

Nella Circolare, in particolare, è ricordato che il Decreto Legge n. 174 del 10 ottobre 2012, ossia il Decreto che ha introdotto tale tipologia di finanziamento, prevede all’articolo 11, comma 5, che i sostituti d’imposta che, a partire dal 20 maggio 2012, non hanno adempiuto agli obblighi di riversamento delle ritenute Irpef sui redditi di lavoro dipendente ed assimilati e sui redditi di lavoro autonomo, e relative addizionali, già operate o non hanno adempiuto all’effettuazione ed al riversamento delle stesse successivamente a tale data, devono regolarizzare gli adempimenti ed i versamenti omessi entro il 16 dicembre 2012, senza che siano applicati interessi o sanzioni.

Una volta effettuati i versamenti, i sostituti operano le relative ritenute.

Riguardo ai redditi di lavoro dipendente, il medesimo comma 5 dell’articolo 11 stabilisce una gradualità del prelievo delle somme oggetto di regolarizzazione.

Inoltre, è prevista la possibilità per i titolari di reddito di lavoro dipendente di beneficiare del finanziamento garantito dallo Stato per il pagamento dei tributi dovuti nel periodo compreso tra il 16 dicembre 2012 ed il 30 giugno 2013.


Si deve ritenere che tale finanziamento riguarda anche le ritenute che devono essere regolarizzate entro il 16 dicembre 2012.

L’Agenzia delle Entrate ha, quindi, affermato espressamente che i titolari di reddito di lavoro dipendente, qualora ne ricorrano i requisiti, possono accedere al finanziamento agevolato per il tramite del datore di lavoro. Tale possibilità vale anche per i titolari di reddito assimilato a quello di lavoro dipendente che percepiscono erogazioni periodiche.

Il dipendente che intende beneficiare del finanziamento agevolato deve formulare una specifica richiesta al datore di lavoro e quest’ultimo può decidere di aderire o meno.

Se il datore di lavoro aderisce alla richiesta, potrà accedere al finanziamento anche per la regolarizzazione delle ritenute e procederà al recupero nei confronti del dipendente soltanto a partire dal mese di luglio 2013.


Se, invece, il sostituto d’imposta non aderisce alla richiesta del dipendente o non ha i requisiti per accedere al finanziamento agevolato, dovrà darne comunicazione al dipendente, il quale potrà provvedere al versamento delle imposte accedendo direttamente al finanziamento agevolato.

L’Agenzia delle Entrate ha ricordato che comunque le trattenute possono essere effettuate nei limiti del quinto delle retribuzioni, qualora il dipendente non effettui alcuna richiesta al datore di lavoro e non richieda egli stesso direttamente il finanziamento agevolato.

Infine, le operazioni eseguite ed i versamenti effettuati dovranno essere indicati nel modello CUD e nel modello 770.

a cura dell’Avv. Raffaella De Vico.

Articoli correlati
14 Maggio 2021
Rimborsi per spese sostenute da lavoratori in smart working: tassabili se non collegati a criteri oggettivi.

L'Agenzia delle Entrate si è pronunciata nuovamente riguardo alla tassabilità dei...

14 Maggio 2021
Attestazioni rilasciate a medici che chiedono un indennizzo per isolamento da Covid: sì all’imposta di bollo.

Nuova questione affrontata dall'Agenzia delle Entrate. Si tratta dell'applicabilità...

14 Maggio 2021
Interventi in aree per fiere e convegni: quando è ammesso il credito d’imposta per l’adeguamento degli ambienti di lavoro?

L'Agenzia delle Entrate è intervenuta a fornire nuovi chiarimenti riguardo...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto