Novità Irpef - Ires
21 Settembre 2013

L’ente e’ responsabile nei confronti dell’Amministrazione finanziaria anche se il maggior reddito e’ frutto di reati commessi esclusivamente dal legale rappresentante.

Scarica il pdf

La Sezione Tributaria della Corte di Cassazione, nella Sentenza n. 21555 del 20 settembre 2013, ha affermato che le questioni circa la responsabilità dell’ente nei reati commessi dal legale rappresentante sono estranee alla controversia che ha ad oggetto la tassabilità delle somme che sono entrate nella contabilità dell’ente e che per questo hanno costituito “reddito” o “volume d’affari” a quest’ultimo imputabili.

Il fatto che le somme siano state distratte dal legale rappresentante a proprio vantaggio è qualcosa che riguarda il rapporto tra l’ente ed il proprio legale rappresentante, per indebita sottrazione di somme al bilancio dell’ente, che avrà, quindi, diritto al risarcimento del danno nei confronti del legale rappresentante.

Non riguarda, invece, il rapporto tra l’ente e l’Amministrazione finanziaria, per l’omesso adempimento degli obblighi fiscali.

E’ stato, così, rigettato il ricorso presentato da un’Associazione di volontariato Onlus contro la pronuncia di secondo grado che aveva confermato gli avvisi di accertamento, emessi ai fini Irpeg ed Iva, a seguito di una verifica della Guardia di Finanza, per operazioni inesistenti poste in essere con false fatturazioni allo scopo di ottenere da diversi enti ospedalieri in convenzione rimborsi di spese non dovuti.

L’ente destinatario degli avvisi di accertamento aveva sostenuto di non aver mai realizzato dei redditi, perché le predette false operazioni erano state svolte esclusivamente dall’amministratore per proprio personale vantaggio. Questi aveva immediatamente distratto le somme solo formalmente transitate nella contabilità dell’ente, con accertamento della personale responsabilità in sede penale.

a cura dell’Avv. Raffaella De Vico.

Articoli correlati
30 Aprile 2021
Superbonus e contributi pubblici per la ricostruzione: sì alla cumulabilità

L'Agenzia delle Entrate, nella Risoluzione n. 28 del 23 aprile 2021, si è occupata della...

30 Aprile 2021
Il dipendente di una società italiana che risiede nel Paese estero e lì opera con il telelavoro non paga tasse in Italia

Quale regime fiscale è applicabile al lavoratore dipendente di una società italiana che...

30 Aprile 2021
Agevolazioni del Decreto Crescita 2019: non si considerano le vendite di immobili in corso di costruzione

L'Agenzia delle Entrate ha risposto ad un quesito riguardante l'applicazione delle...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto