Novità Irpef - Ires
2 Febbraio 2013

Irap: il pagamento di elevati compensi a consulenti esterni non e’ elemento rilevante.

Scarica il pdf

La Corte di Cassazione, nell’Ordinanza n. 2131 del 29 gennaio 2013, ha affermato, in materia di Irap, che il ricorso al lavoro altrui può determinare l’assoggettamento all’imposta solo quando questo lavoro sia inserito nella struttura organizzativa della quale è a capo il professionista.

Nel caso di specie, il professionista aveva fornito elevati compensi a terzi, ma pur sempre come corrispettivi di lavoro autonomo.

La misura dei compensi forniti non deve essere considerata come elemento decisivo ai fini dell’assoggettamento all’Irap. Secondo la posizione della Suprema Corte, anche quando il contribuente ricorre alla consulenza di un “luminare” dai costi altissimi, se questi opera completamente al di fuori della struttura del committente, la circostanza non assume alcuna rilevanza ai fini dell’Irap.

a cura dell’Avv. Raffaella De Vico.

Articoli correlati
7 Maggio 2021
Rimborsi ai lavoratori in smart working esclusi da tassazione.

Lavoratori in smart working e tassazione dei rimborsi spese. Arrivano i chiarimenti...

7 Maggio 2021
Sospensione attività di riscossione: arriva la proroga al 31 maggio.

Con un Comunicato Stampa del Ministero dell'Economia e delle Finanze del 30 aprile 2021,...

7 Maggio 2021
Consulenza da parte di professionista non iscritto all’albo: se si tratta di ditta individuale non c’è ritenuta.

Professionista non iscritto ad un albo e ritenuta d'acconto: l'Agenzia delle Entrate...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto