Novità Irpef - Ires
18 Gennaio 2014

Detrazioni per ristrutturazioni edilizie ed interventi di riqualificazione energetica: tutte le proroghe previste dalla Legge di Stabilita’ 2014.

Scarica il pdf

E’ stata approvata la Legge di Stabilità per il 2014 (Legge n. 147 del 27 dicembre 2013). La Legge in questione è stata pubblicata nella medesima data del 27 dicembre 2013 sulla Gazzetta Ufficiale ed è entrata in vigore il 1° gennaio 2014.

Tra le numerose misure di rilevanza fiscale, ricordiamo quelle che riguardano le detrazioni per gli interventi di riqualificazione energetica e di recupero edilizio. In particolare, il comma 139 dell’articolo 1 della Legge di Stabilità prevede:

– che le detrazioni dalle imposte su redditi (Irpef ed Ires) per le spese relative agli interventi di riqualificazione energetica siano applicate nella misura del 65 %, in caso di spese sostenute dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2014, e nella misura del 50 %, in caso di spese sostenute dal 1° gennaio 2015 al 31 dicembre 2015;

– che le detrazioni suddette riguardino anche le spese per interventi relativi a parti comuni degli edifici condominiali o che interessino tutte le unità immobiliari di cui si compone il condominio, nella misura del 65 %, in caso di spese sostenute dal 6 giugno 2013 al 30 giugno 2015, e nella misura del 50 %, in caso di spese sostenute dal 1° luglio 2015 al 30 giugno 2016;

– che, per gli interventi di recupero edilizio, le detrazioni siano concesse entro il limite massimo, di ammontare complessivo delle spese, di 96.000 Euro, per unità immobiliare, e nella misura del 50 %, in caso di spese sostenute dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2014, e nella misura del 40 %, in caso di spese sostenute dal 1° gennaio 2015 al 31 dicembre 2015;

– che la proroga delle detrazioni si applichi anche alle spese sostenute per interventi relativi all’adozione di misure antisismiche. Le spese, che comunque devono riguardare interventi su stabili situati in determinate zone e che siano adibiti ad abitazione principale o ad attività produttive, sono detraibili, fino ad un ammontare complessivo non superiore a 96.000 Euro per unità immobiliare, nella misura del 65 %, in caso di spese sostenute fino al 31 dicembre 2014, e nella misura del 50 %, in caso di spese sostenute dal 1° gennaio 2015 al 31 dicembre 2015.

– che sia confermata, per coloro che beneficiano della detrazione del 50 % relativa agli interventi di ristrutturazione, la possibilità di beneficiare di una detrazione ulteriore del 50 % per le spese relative all’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+, ed alla A in caso di forni, finalizzati all’arredo dell’immobile oggetto di ristrutturazione. La detrazione, da ripartire anche in questo caso in dieci rate annuali di pari importo, spetta per le spese sostenute dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2014 ed è calcolata su un ammontare complessivo non superiore a 10.000 Euro.

a cura dell’Avv. Raffaella De Vico.

Articoli correlati
17 Settembre 2021
La costituzione della start-up innovativa

La costituzione della start-up innovativa: necessario l’intervento del notaio? Il...

17 Settembre 2021
Contributo a fondo perduto previsto dal Decreto Sostegni bis: più tempo per presentare la dichiarazione dei redditi.

Con un Comunicato Stampa del 6 settembre 2021, il Ministero dell'Economia e delle...

17 Settembre 2021
Credito d’imposta per locazioni non abitative: nuovo modello per la comunicazione della cessione.

Con un Provvedimento del Direttore dell'Agenzia delle Entrate del 7 settembre 2021 sono...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto