NULL
Novità Irpef - Ires
12 Gennaio 2013

Certificazione degli utili: approvata una nuova versione dello schema da compilare.

Scarica il pdf

Con Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate del 7 gennaio 2013, è stato approvato il nuovo schema di certificazione, con le relative istruzioni, da utilizzare per l’attestazione degli utili derivanti dalla partecipazione a soggetti Ires, residenti o non residenti, in qualunque forma corrisposti a soggetti residenti, a decorrere dal 1° gennaio 2012, con esclusione degli utili assoggettati a ritenuta alla fonte a titolo d’imposta o ad imposta sostitutiva. Si tratta dello schema di certificazione degli utili corrisposti e dei proventi ad essi equiparati, delle ritenute operate e delle imposte sostitutive applicate (Cupe).

La certificazione riguarda anche i proventi equiparati, derivanti, ad esempio, da titoli e strumenti finanziari.

Nel Provvedimento è precisato che la certificazione deve essere compilata dai soggetti che corrispondono gli utili e deve essere rilasciata, entro il 28 febbraio, ai percettori degli utili. Questi ultimi dovranno utilizzare i dati contenuti nella certificazione per indicare i proventi conseguiti nella dichiarazione annuale dei redditi.

Nella prima parte della certificazione devono essere inseriti i dati relativi al soggetto che rilascia la certificazione. Poi, la prima sezione è destinata ai dati relativi al soggetto emittente, la seconda sezione riguarda i dati relativi all’intermediario non residente, la terza sezione i dati relativi al percettore degli utili o degli altri proventi equiparati, la quarta ed ultima sezione i dati relativi agli utili corrisposti ed ai proventi equiparati.

Lo schema di certificazione approvato con il Provvedimento del 7 gennaio 2013 sostituisce quello approvato con il Provvedimento del 21 dicembre 2009.

Il nuovo schema di certificazione riflette la novità relativa all’unificazione delle aliquote (nuova aliquota unica del 20 %) applicate agli utili e ai proventi equiparati assoggettati a ritenuta a titolo d’imposta o ad imposta sostitutiva percepiti da soggetti non residenti ed ai proventi derivanti dalle partecipazioni in SIIQ (Società di investimento immobiliare quotate) ed in SIINQ (Società di investimento immobiliare non quotate).

a cura dell’Avv. Raffaella De Vico.

Articoli correlati
23 Settembre 2022
La fatturazione elettronica

Pubblichiamo un utile riepilogo sulla fatturazione elettronica, a tre anni di distanza...

23 Settembre 2022
Bonus chef: ecco le modalità di attuazione.

Con un Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico, adottato di concerto con il...

23 Settembre 2022
Nuovi chiarimenti sulla nomina del rappresentante fiscale.

Chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate riguardo alla possibilità per le società...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto