NULL
Novità Irpef - Ires
11 Gennaio 2014

Calciatori e societa’ sportive: tutti i chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate sulle questioni fiscali.

Scarica il pdf

Nella Circolare n. 37 del 20 dicembre 2013, l’Agenzia delle Entrate ha esaminato alcune questioni fiscali emerse nel corso del Tavolo tecnico tra l’Agenzia medesima ed i rappresentanti della Federazione Italiana Gioco Calcio e delle Leghe Nazionali Professionisti.

Le questioni trattate nella Circolare hanno riguardato sia le imposte sui redditi e l’Irap, sia l’Iva.

Nell’ambito delle imposte sui redditi e dell’Irap, i quesiti affrontati dall’Agenzia delle Entrate hanno avuto ad oggetto:

– il trattamento delle spese di vitto ed alloggio sostenute all’inizio della stagione dalle società sportive in favore dei giocatori appena acquistati, non ancora in possesso di una propria abitazione;

– l’individuazione della sede di lavoro dei calciatori professionisti “tesserati” con le società sportive;

– il regime fiscale, ai fini Irpef, Ires ed Irap, dei costi per il soggiorno in strutture ricettive, sostenuti dalle società sportive per i ritiri pre-campionato e pre-partita;

– la deducibilità ai fini Ires ed Irap dei costi di vitto sostenuti dalle società sportive durante la giornata di allenamento;

– la deducibilità ai fini Ires ed Irap del costo dei biglietti per le partite casalinghe dati in omaggio al personale tecnico per i propri familiari;

– il regime fiscale, ai fini Ires ed Irap, del costo sostenuto dalle società per il charter aereo utilizzato per le trasferte;

– il regime fiscale, per le società e per gli atleti, delle dotazioni assegnate ai membri della prima squadra in esecuzione di contratti assunti dalla società con gli sponsor esterni;

– il regime fiscale, ai fini Irpef, dei premi assegnati dagli sponsor ai membri della squadra al raggiungimento degli obiettivi prefissati in termini di risultati sportivi;

– il trattamento fiscale dei rimborsi spese per vitto ed alloggio corrisposti dalle società sportive agli atleti minorenni, accompagnati da genitori, per sostenere provini di uno o due giorni;

– il trattamento fiscale dei compensi erogati a collaboratori, residenti in Italia o all’estero, che prestano la propria attività come osservatori di giocatori ed il regime fiscale delle spese di viaggio, di vitto e di alloggio sostenute direttamente dalle società sportive in favore degli osservatori medesimi;

– le questioni fiscali relative ai servizi di assistenza e di controllo presso gli stadi effettuati dagli steward;

l’ammortamento del diritto pluriennale alle prestazioni sportive di un calciatore.

Per quanto riguarda le questioni relative all’Iva, le risposte dell’Agenzia delle Entrate hanno riguardato:

– il momento di effettuazione dell’operazione in caso di cessione del contratto relativo alle prestazioni dei calciatori;

– l’integrazione successiva del prezzo prevista in alcuni contratti di trasferimento dei diritti pluriennali alle prestazioni dei calciatori;

– il trattamento fiscale, ai fini Iva, applicabile ai “premi di preparazione”, ai “premi di carriera”, alle “indennità di formazione”, al “meccanismo di solidarietà”.

a cura dell’Avv. Raffaella De Vico.

Articoli correlati
21 Giugno 2024
Aggiornamento normativo del modello liquidazioni periodiche Iva

La nuova versione del modulo per le liquidazioni periodiche dell’Iva è stata...

21 Giugno 2024
Imponibile sulle donazioni di quote sociali ai familiari se il controllo già c’è

Per beneficiare dell’agevolazione volta a favorire il passaggio generazionale delle...

21 Giugno 2024
Agevolazioni ufficiali per gli anziani non autosufficienti

Le nuove disposizioni, anche relative alle agevolazioni per gli anziani non...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto