Altre Novità
26 Febbraio 2011

Violazioni delle norme introdotte dalla Legge di stabilita’ 2011 nel settore del gioco: istituiti i codici tributo per i versamenti.

Scarica il pdf

Con la Risoluzione n. 23 del 24 febbraio 2011, l’Agenzia delle Entrate ha istituito i codici tributo per versare le somme dovute all’Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato in caso di violazione delle norme introdotte dalla Legge n. 220 del 13 dicembre 2010 (Legge di stabilità 2011) con riferimento al settore del gioco.

In particolare, sono stati istituiti i codici tributo per il pagamento dell’imposta unica accertata sulle scommesse ippiche, sportive e sulle altre scommesse, nonché su altri concorsi pronostici, e per il pagamento dell’imposta unica accertata sui giochi di abilità a distanza in forma di torneo, nonché dei relativi interessi e sanzioni.

Il modello per i versamenti è l’F24-Accise. I codici tributo in questione sono esposti nella sezione “Accise/Monopoli ed altri versamenti non ammessi in compensazione” in corrispondenza delle somme indicate nella colonna “importi a debito versati”. Nel campo “ente” deve essere indicata la lettera “M”, nel campo “provincia” la sigla della Provincia dove ha sede l’Ufficio dell’Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato (A.A.M.S.) che ha emesso l’atto di accertamento, nel campo “codice identificativo” il codice concessione, nel campo “anno di riferimento” l’anno di imposta al quale si riferisce la violazione contestata.

Analogamente, sono stati istituiti i codici tributo per il versamento delle sanzioni amministrative applicate in caso di giocate simulate (comma 4, art. 5, Decreto Legislativo n. 504 del 23 dicembre 1998).

L’Agenzia delle Entrate ha anche istituito i codici tributo da utilizzare per pagare la sanzione amministrativa pecuniaria prevista dalla Legge n. 220 del 13 dicembre 2010 in caso di violazione del divieto di partecipazione ai giochi pubblici con vincita in denaro ai minori di diciotto anni, e per versare le somme dovute all’erario dai concessionari abilitati alla raccolta delle scommesse sportive a quota fissa, in virtù del comma 71, articolo 1, della Legge suddetta. In entrambi i casi nel campo “provincia” dovrà essere indicata la sigla della Provincia di versamento.

Ancora, sono stati introdotti i codici tributo per il versamento della sanzione amministrativa pecuniaria prevista dalla Legge n. 220 del 2010 e dovuta dai concessionari in caso di mancata ottemperanza alle richieste di informazioni o alle richieste connesse all’effettuazione dei controlli da parte dell’Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato.

Sono, altresì, previsti, nella Risoluzione in questione, i codici tributo per versare altre somme e sanzioni introdotte  dalla Legge n. 220 del 2010 con riferimento al gioco praticato attraverso apparecchi da intrattenimento e divertimento.

Infine, l’Agenzia delle Entrate ha precisato che il modello di versamento F24-Accise e le relative istruzioni per la compilazione sono disponibili sul sito Internet dell’Agenzia medesima.

a cura dell’Avv. Raffaella De Vico.

Maggiori informazioni e approfondimenti sistematici ed esaurienti inviati direttamente alla vostra mail, acquisti la circolare informativa fiscale

Articoli correlati
7 Maggio 2021
Rimborsi ai lavoratori in smart working esclusi da tassazione.

Lavoratori in smart working e tassazione dei rimborsi spese. Arrivano i chiarimenti...

7 Maggio 2021
Sospensione attività di riscossione: arriva la proroga al 31 maggio.

Con un Comunicato Stampa del Ministero dell'Economia e delle Finanze del 30 aprile 2021,...

7 Maggio 2021
Consulenza da parte di professionista non iscritto all’albo: se si tratta di ditta individuale non c’è ritenuta.

Professionista non iscritto ad un albo e ritenuta d'acconto: l'Agenzia delle Entrate...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto