NULL
Altre Novità
29 Settembre 2007

L’estinzione del processo non sconta l’imposta di registro

Scarica il pdf

Con Risoluzione 21 settembre 2007, n. 263, l’Agenzia delle Entrate ha ribadito la non imponibilità, ai fini dell’imposta di registro, dei provvedimenti di estinzione del processo a seguito di rinuncia agli atti del giudizio da parte dell’attore, emessi a norma dell’art. 306 C.p.c.

L’Agenzia delle Entrate ricorda che l’imposta di registro in misura fissa non si applica, in generale, su tutti i provvedimenti emessi dall’autorità giudiziaria, ma solo sugli atti che definiscono, anche parzialmente, il giudizio, in quanto solo questi possono incidere sulla situazione giuridica dei soggetti.

Con la rinuncia agli atti del processo, invece, la parte intende porre fine al processo stesso senza giungere ad una pronuncia definitiva. Tale dichiarazione, pertanto, non sconta l’imposta di registro anche se il provvedimento che dichiara estinto il processo dispone la liquidazione delle spese processuali.

Fonte:  www.seac.it

 

Per maggiori informazioni e approfondimenti sistematici ed esaurienti inviati direttamente alla vostra mail, acquista la circolare informativa fiscale

Articoli correlati
12 Aprile 2024
Hai ricevuto la busta paga e non ti è stata retribuita la festività per il giorno di Pasqua? Ecco il motivo

Molti lavoratori non hanno ricevuto in busta paga alcuna retribuzione per la...

12 Aprile 2024
Detrazione Irpef 2023 invariata per atenei non statali

Le regole relative alla detrazione Irpef per le spese universitarie sostenute presso...

12 Aprile 2024
Stock option da Oic a Ias/Ifrs, deducibili solo nell’anno di passaggio

Il passaggio dalle norme contabili nazionali (Oic) agli standard internazionali...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto