Imposta di bollo, ipotecaria e catastale: nuovi importi.

0 Flares 0 Flares ×

Con il Decreto Legge n. 104 del 12 settembre 2013, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della medesima data, recante disposizioni in materia di istruzione, Università e ricerca, sono state apportate alcune importanti modifiche anche alla disciplina delle imposte di registro, ipotecaria e catastale.

In particolare, è previsto, all’articolo 26 di tale Decreto, che tutti gli atti posti in essere per effettuare gli adempimenti presso il Catasto ed i registri immobiliari siano esenti dall’imposta di bollo, dai tributi speciali catastali e dalle tasse ipotecarie e siano, invece, soggetti a ciascuna delle imposte ipotecaria e catastale nella misura fissa di 50 Euro.

Inoltre, l’importo delle imposte di registro, ipotecaria e catastale stabilito nella misura fissa di 168 Euro da disposizioni vigenti anteriormente al 1° gennaio 2014, verrà elevato, a partire da tale data, a 200 Euro.

Tale aumento riguarda, più specificamente, gli atti giudiziari pubblicati o emanati, gli atti pubblici formati, le donazioni fatte e le scritture private autenticate a partire dal 1° gennaio 2014, le scritture private non autenticate e le denunce presentate per la registrazione a partire dalla medesima data, le formalità di trascrizione, di iscrizione, di rinnovazione eseguite e le domande di annotazione presentate a partire dalla stessa data.

a cura dell’Avv. Raffaella De Vico.