Altre Novità
17 Novembre 2012

Giochi e scommesse: istituiti i codici tributo per versare le somme dovute a seguito di controlli automatizzati sull’imposta unica ed a seguito di confisca degli apparecchi.

Scarica il pdf

Con la Risoluzione n. 99 del 12 novembre 2012, l’Agenzia delle Entrate ha istituito i codici tributo da utilizzare per effettuare il versamento, tramite modello F24 Accise, delle somme dovute a seguito del controllo automatizzato sull’imposta unica dovuta all’Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato in riferimento ai giochi ed alle scommesse.

I codici in questione devono essere inseriti nella sezione “Accise/Monopoli e altri versamenti non ammessi in compensazione”, in corrispondenza della colonna degli “importi a debito versati”.

Inoltre, devono essere indicati: nel campo “ente”, la lettera “M”; nel campo “provincia”, la sigla della Provincia nella quale ha sede l’ufficio della AAMS che ha emesso la comunicazione di irregolarità; nel campo “codice identificativo”, il codice concessione; nel campo “rateazione”, in caso di versamento rateale, il numero della rata composto da quattro cifre, con l’indicazione nella prima parte del numero della rata in pagamento e nella seconda parte del numero complessivo delle rate, ed in caso di pagamento in un’unica soluzione, il numero “0101”; nel campo “anno di riferimento”, l’anno d’imposta al quale si riferisce la liquidazione automatizzata (il campo “mese” deve rimanere vuoto); nel campo “codice atto”, il codice dell’atto oggetto di definizione, così come assegnato dall’ufficio emittente.

Inoltre, con la medesima Risoluzione del 12 novembre 2012 è stato istituito il codice tributo per il versamento, sempre mediante modello F24 Accise, delle somme dovute a titolo di recupero delle spese per trasporto, custodia e distruzione degli apparecchi sottoposti a confisca.

Anche questo codice deve essere inserito nella sezione “Accise/Monopoli e altri versamenti non ammessi in compensazione” in corrispondenza della colonna degli “importi a debito versati”.

Dovranno essere indicati nel campo “ente”, la lettera “M” e nel campo “anno di riferimento”, l’anno al quale si riferisce il pagamento. Gli altri campi dovranno restare vuoti.

a cura dell’Avv. Raffaella De Vico.

Articoli correlati
24 Settembre 2021
L’oggetto sociale della start-up innovativa.

I requisiti richiesti dalla legge. Per ottenere la qualifica di start-up innovativa...

24 Settembre 2021
Immobili in corso di definizione: ammesso il Superbonus a certe condizioni.

Nuovi chiarimenti sull'applicazione del Superbonus. Il contribuente istante è...

24 Settembre 2021
Detassazione per contributi ed indennità per emergenza Coronavirus.

Il nuovo quesito affrontato dall'Agenzia delle Entrate riguarda il corretto trattamento...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto