Corte di Cassazione: il prospetto paga firmato non costituisce prova assoluta della retribuzione

La Corte di Cassazione, con la Sentenza n. 21913 del 19 settembre 2007, ha stabilito che in tema di retribuzione non esiste una presunzione assoluta di corrispondenza della retribuzione percepita dal lavoratore rispetto a quella risultante dai prospetti di paga ed è sempre possibile l’accertamento dell’insussistenza del carattere di quietanza alla sottoscrizione eventualmente apposta dal lavoratore sulle buste paga

Fonte:  www.seac.it

 

Per maggiori informazioni e approfondimenti sistematici ed esaurienti inviati direttamente alla vostra mail, acquista la circolare informativa fiscale