string(14) "sidebar attiva"
Saggi
Scritto da:
10 Novembre 2021
2 Minuti di lettura

Il Commercialista può essere anche Consulente finanziario: un servizio in più al cliente

Scarica il pdf

Consulente finanziario o Commercialista? È meglio seguire una sola professione o aumentare la propria professionalità aggiungendo un servizio in più? Una prima risposta la possiamo trovare nella novità introdotta il 1° dicembre 2018 dall’Albo Unico dei Consulenti Finanziari. Vediamo cosa dice nel dettaglio.

I commercialisti e l’Albo dei Consulenti

Con la notifica del 1° dicembre 2018 è stata ratificata la possibilità per i dottori commercialisti di iscriversi all’Albo Unico dei Consulenti Finanziari, tramite la sezione dedicata ai consulenti finanziari indipendenti (o autonomi) e solo dopo una prova d’esame.

Nonostante ciò, è ancora idea diffusa che ai commercialisti sia negata la possibilità di fornire consulenza su strumenti finanziari. Si tratta solamente di informazione non adeguata poiché i commercialisti possono offrire consulenza, ovviamente in modo autonomo, quindi senza svolgere attività di collocamento per conto di un terzo intermediario (ad es. un istituto di credito). 

Commercialista-consulente: una marcia in più

Se proviamo ad analizzare il mondo della consulenza finanziaria scopriamo che ancora oggi i consulenti realmente autonomi e indipendenti sono una scarsa minoranza. Per cause di forza maggiore gran parte dei consulenti sono legati a specifici intermediari, per i quali operano collocando i loro strumenti finanziari. La loro è a tutti gli effetti ritenuta un’attività di natura commerciale, al contrario della consulenza autonoma, inserita nel quadro delle attività intellettuali.

Il grande spiraglio che si apre oggi per i commercialisti è quello di porsi in una posizione di vantaggio rispetto alla concorrenza. La natura indipendente permette loro di ampliare i servizi offerti alla clientela, senza sottostare a nessun tipo di “pressione” esterna. In questo modo lo studio professionale può offrire servizi di assoluto valore aggiunto, aumentando la fidelizzazione della clientela e soprattutto supportandola nei casi in cui si rende necessario l’intervento di un istituto finanziario. Stiamo parlando per esempio dei casi riguardanti i passaggi generazionali nelle aziende a gestione familiare, con il coinvolgimento di proprietà e ingenti asset finanziari. È chiaro che in un simile contesto la preparazione a livello consulenziale del commercialista si possa rivelare un’arma fondamentale per offrire un servizio di alto livello.

TeamSystem Studio Cloud è la piattaforma di TeamSystem che permette agli studi professionali di gestire al meglio tutti i processi del cliente. È l’ideale per i commercialisti, i consulenti del lavoro e gli studi multidisciplinari. Un’unica soluzione per gestire tutte le attività in modo centralizzato ed efficiente.

Articoli correlati
26 Novembre 2021
Quando si può parlare di commercio elettronico indiretto e quali sono i relativi obblighi di certificazione?

Commercio elettronico indiretto ed obblighi di certificazione. A presentare l'istanza...

26 Novembre 2021
Eredi del professionista: quali sono gli obblighi Iva da adempiere?

Nel caso di morte del professionista, quali sono gli adempimenti Iva a carico degli...

26 Novembre 2021
Subentro nella locazione della casa del portiere: si può optare per la cedolare secca.

Il quesito posto all'Agenzia delle Entrate riguarda l'applicabilità della cedolare...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto