NULL
Principi Contabili
Scritto da:
1 Gennaio 1970

IAS 30 Informazioni richieste nel bilancio delle banche e degli istituti finanziari – Stato patrimoniale

Scarica il pdf

18. Una banca deve presentare uno stato patrimoniale che raggruppi le attività e le passività per categorie omogenee e deve elencarle secondo il loro grado di liquidità.

19. Oltre alle disposizioni degli altri Principi contabili internazionali le indicazioni fornite nello stato patrimoniale o nelle note al bilancio devono includere, senza limitarsi a ciò, le seguenti attività e passività:

Attività:

– Disponibilità liquide e saldi con la banca centrale;

– Buoni del tesoro e altri titoli ammissibili al rifinanziamento presso la banca centrale;

– Titoli di Stato e altri titoli posseduti per negoziazione;

– Depositi, prestiti e anticipazioni ad altre banche;

– Altri collocamenti sul mercato monetario;

– Prestiti e anticipazioni a clienti; e

– Titoli mobiliari posseduti per investimento.

Passività:

– Depositi da altre banche;

– Altri depositi dal mercato monetario;

– Debiti verso altri depositanti;

– Certificati di deposito;

– Cambiali e altre passività rappresentate da titoli; e

– Altri fondi presi a prestito.

20. L’approccio più utile alla classificazione delle attività e delle passività di una banca è quello di raggrupparle per natura e di elencarle approssimativamente in base alla loro liquidità; ciò potrebbe equivalere a grandi linee alle loro scadenze. Gli elementi correnti e quelli non correnti non sono esposti separatamente perché la maggior parte delle attività e delle passività di una banca può essere realizzata o sostenuta a breve termine.

21. La distinzione tra i saldi con altre banche e altre parti del mercato monetario e quelli da altri depositanti è un’informazione importante perché fornisce una conoscenza sui rapporti, e sulla dipendenza, di una banca con le altre banche e con il mercato monetario. Quindi una banca deve portare a conoscenza distintamente:

(a) i saldi con la banca centrale;

(b) i depositi presso altre banche;

(c) gli altri collocamenti sul mercato monetario;

(d) i depositi da altre banche;

(e) gli altri depositi dal mercato monetario; e

(f) altri depositi.

22. Una banca, di norma, non sa chi sono i possessori dei suoi certificati di deposito perché essi sono, di solito, scambiati su un mercato aperto. Quindi una banca deve indicare distintamente i depositi che sono stati ottenuti attraverso l’emissione di suoi certificati di deposito o di altri certificati negoziabili.

23. (*) Paragrafo soppresso dal Reg. (CE) n. 2086/2004

24. Una banca deve indicare i fair value (valore equo) di ciascuna classe di attività e passività finanziaria così come richiesto dallo IAS 32, Strumenti finanziari: Esposizione nel bilancio e informazioni integrative, e dallo IAS 39, Strumenti finanziari: Rilevazione e valutazione.

25. Lo IAS 39 prevede quattro classi di attività finanziarie: prestiti e crediti originati dall’impresa, investimenti posseduti per essere mantenuti sino a scadenza, attività finanziarie possedute per essere negoziate e attività finanziarie disponibili per la vendita. Una banca indicherà, come requisito minimale, i fair value (valore equo) delle proprie attività finanziarie per le quattro classi sopra riportate.

Torna all’Indice dello Ias 30 Informazioni richieste nel bilancio delle banche e degli istituti finanziari

Torna all’Indice dei Principi contabili internazionali

Articoli correlati
2 Dicembre 2022
Sì al Superbonus in caso di installazione dell’ascensore esterno all’edificio.

L'Agenzia delle Entrate ha risposto ad un nuovo quesito riguardante il Superbonus. A...

2 Dicembre 2022
La cessione di smart box resta esclusa dall’esterometro.

Le cessioni degli "smart box" rientrano nei dati che devono essere comunicati tramite...

25 Novembre 2022
Compensi dell’agente sportivo: si tratta di redditi di lavoro autonomo.

Con la Risoluzione n. 69 del 21 novembre 2022, l'Agenzia delle Entrate ha fornito...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto