IAS 12 Imposte sul reddito – Rilevazione delle imposte sul reddito correnti e differite

57 La contabilizzazione degli effetti fiscali correnti e differiti di un’operazione o di altri fatti è coerente con la contabilizzazione dell’operazione o degli altri fatti stessi. I paragrafi da 58 a 68C attuano il presente principio.

57A L’entità deve rilevare gli effetti fiscali dei dividendi, come definiti nell’IFRS 9, ai fini delle imposte sul reddito nel momento in cui rileva la passività relativa al dividendo da pagare. Gli effetti fiscali dei dividendi, ai fini delle imposte sul reddito, sono più direttamente correlati a transazioni o eventi passati che hanno generato utili distribuibili che alla distribuzione ai soci. Pertanto, l’entità deve rilevare gli effetti fiscali dei dividendi ai fini delle imposte sul reddito nell’utile (perdita) d’esercizio, nelle altre componenti di conto economico complessivo o nel patrimonio netto, a seconda di dove l’entità ha originariamente rilevato tali transazioni o eventi passati.

Torna all’Indice dello Ias 12 Rimanenze

Torna all’Indice dei Principi contabili internazionali