conti 4

Reverse charge: estensione dell’ambito di applicazione e abrogazione di alcuni casi

0 Flares 0 Flares ×

Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 3 marzo 2016, il Decreto Legislativo n. 24 dell’11 febbraio 2016 con il quale sono state modificate le disposizioni in materia di Iva e, in particolare, di inversione contabile (reverse charge), in attuazione delle Direttive comunitarie del 2013.

Il meccanismo dell’inversione contabile non riguarderà più i componenti e gli accessori dei telefoni cellulari.

Il meccanismo dell’inversione contabile, inoltre, fino ad ora applicato alle cessioni di dispositivi a circuito integrato, quali microprocessori, effettuate prima dell’installazione in prodotti destinati al consumatore finale, viene esteso anche alle cessioni di console da gioco, tablet e laptop (computer portatili).

Il meccanismo dell’inversione contabile non troverà più applicazione con riferimento alle cessioni di materiali e prodotti lapidei direttamente provenienti da cave e miniere ed alle cessioni di beni effettuate nei confronti di ipermercati, supermercati e discount alimentari.

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze potrà individuare, con propri Decreti, delle ulteriori operazioni da assoggettare al meccanismo dell’inversione contabile.

Le nuove disposizioni trovano applicazione fino al 31 dicembre 2018.

Infine, l’applicazione del meccanismo dell’inversione contabile alle nuove ipotesi di cessioni di console da gioco, tablet e computer portatili avverrà con riferimento alle operazioni effettuate a partire dal sessantesimo giorno successivo a quello di entrata in vigore del Decreto Legislativo (che coincide con la data di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, ossia il 3 marzo 2016).