string(14) "sidebar attiva"
Novità Iva
28 Ottobre 2022
4 Minuti di lettura

Quale trattamento ai fini Iva delle royalties corrisposte per l’utilizzo di una piattaforma on-line?

Scarica il pdf

Quale regime Iva per le royalties corrisposte in relazione all’utilizzo di una piattaforma on-line?

La società istante è una società per azioni titolare di un marchio. La sua attività viene svolta nell’ambito della ricerca e sviluppo e della produzione e distribuzione, attraverso le farmacie, di prodotti e servizi per il benessere e la cura della persona. Il marchio dell’istante, in particolare, contraddistingue un servizio consistente nell’elaborazione, da parte di un laboratorio specializzato partner della stessa istante, di un referto analitico (riguardante la valutazione delle intolleranze alimentari) fornito unitamente ad un protocollo personalizzato firmato da un medico, basato su un campione ematico prelevato attraverso un apposito kit di auto analisi. Come precisato dall’istante, il protocollo personalizzato è finalizzato al miglioramento del benessere individuale, anche attraverso l’assunzione di appositi prodotti e l’adozione di determinati stili di vita.

La società istante stipulerà con la società specializzata in attività di laboratorio di analisi un contratto di collaborazione con il quale saranno disciplinati i rapporti relativi alla commercializzazione del servizio in questione.

Il meccanismo applicato prevede che la società istante stipuli un contratto di servizi con la farmacia, lo comunichi alla società che si occupa delle analisi ed attivi una piattaforma on-line per la gestione del servizio. L’istante percepirà delle royalties dalla società che svolge l’attività di laboratorio di analisi a titolo di corrispettivo per l’utilizzo della piattaforma. Tramite la piattaforma, la farmacia richiederà al laboratorio di analisi il kit di auto analisi che sarà, poi, venduto al cliente finale. Il cliente esegue l’auto prelievo e restituisce il kit alla farmacia. La farmacia stessa svolge un’attività di intermediazione, raccogliendo una serie di informazioni dal cliente ed inviando il kit con i campioni al laboratorio di analisi. Il laboratorio provvede ad analizzare i campioni ricevuti e caricare i risultati nella piattaforma digitale, per poi elaborare, sulla base di un algoritmo sempre di proprietà dell’istante, un referto trasmesso tramite la stessa piattaforma alla farmacia, la quale provvede a consegnarlo al cliente finale. In questo sistema, la società istante si occupa della gestione della piattaforma.

La società istante ha richiesto chiarimenti sia riguardo al regime Iva applicabile al servizio fornito dal laboratorio di analisi alla farmacia ed al servizio che la farmacia fornisce al cliente finale, sia riguardo al regime Iva applicabile alle royalties che la società istante riceverà dal laboratorio di analisi per l’utilizzo della piattaforma on-line.

L’Agenzia delle Entrate, nella Risposta n. 504 del 12 ottobre 2022, ha in primo luogo precisato che la risposta ad un interpello può riguardare soltanto fattispecie concrete e personali e, quindi, nel caso specifico, riguarderà soltanto il quesito sul regime Iva applicabile al servizio che la società istante fornisce al laboratorio di analisi e che viene remunerato mediante le royalties. Le altre questioni non possono essere risolte nell’ambito di tale interpello, in quanto riguardano soggetti che non hanno presentato la relativa istanza.

Dalla documentazione depositata dall’istante e, in particolare, dal contratto di collaborazione commerciale con il quale la società stessa ed il laboratorio di analisi hanno definito e disciplinato i reciproci rapporti relativi alla commercializzazione del servizio individuato dal marchio dell’istante, risulta che quest’ultima mette a disposizione del laboratorio di analisi una piattaforma on-line tramite la quale, poi, il laboratorio realizza il referto diagnostico personalizzato ed il protocollo personalizzato destinati al cliente finale del servizio. L’algoritmo alla base del referto e del protocollo rimane di proprietà dell’istante, così come la piattaforma rimarrà di proprietà esclusiva della società istante.

A fronte dell’utilizzo del marchio e della piattaforma, il laboratorio di analisi corrisponde alla società istante delle royalties, calcolate sulla base del numero di test eseguiti e rendicontati nella piattaforma.

I compensi erogati dal laboratorio di analisi all’istante rappresentano il corrispettivo di prestazioni di servizi riconducibili, ai fini Iva, nell’ambito delle concessioni in uso di marchi o brevetti che, in presenza dei requisiti soggettivi e territoriali, dovranno essere assoggettati ad Iva con applicazione dell’aliquota ordinaria.

Articoli correlati
25 Novembre 2022
Compensi dell’agente sportivo: si tratta di redditi di lavoro autonomo.

Con la Risoluzione n. 69 del 21 novembre 2022, l'Agenzia delle Entrate ha fornito...

25 Novembre 2022
Compensi di lavoro sportivo: ecco le nuove regole dal 2023.

Con il Decreto Legislativo n. 163 del 5 ottobre 2022, pubblicato nella Gazzetta...

25 Novembre 2022
Rimborsi spese per spostamenti dei navigator: non si tratta di indennità di trasferta.

Con la Risoluzione n. 67 del 15 novembre 2022, l'Agenzia delle Entrate ha fornito...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto