Novità Iva
4 Aprile 2005

Vendite a distanza: trattamento IVA

Scarica il pdf

Con Risoluzione 31 marzo 2005, n. 39, l’Agenzia delle Entrate ha precisato che le cessioni di beni a privati consumatori residenti in Paesi UE, effettuate tramite incaricati nel territorio dell’altro Stato membro, non sono configurabili come vendite a distanza, ma come operazioni intracomunitarie.

I beni, infatti, vengono introdotti nello Stato estero in regime di tentata vendita. Ne consegue che, ai fini IVA, il trasferimento dei beni dall’Italia all’altro Paese membro (nel caso specifico, la Germania) costituisce trasferimento di beni "a se stessa", non imponibile e soggetto a tassazione nel Paese di destinazione tramite proprio rappresentante fiscale, mentre la successiva vendita al consumatore finale costituisce operazione interna in Germania.

Fonte:  www.seac.it

Articoli correlati
30 Aprile 2021
Superbonus e contributi pubblici per la ricostruzione: sì alla cumulabilità

L'Agenzia delle Entrate, nella Risoluzione n. 28 del 23 aprile 2021, si è occupata della...

30 Aprile 2021
Il dipendente di una società italiana che risiede nel Paese estero e lì opera con il telelavoro non paga tasse in Italia

Quale regime fiscale è applicabile al lavoratore dipendente di una società italiana che...

30 Aprile 2021
Agevolazioni del Decreto Crescita 2019: non si considerano le vendite di immobili in corso di costruzione

L'Agenzia delle Entrate ha risposto ad un quesito riguardante l'applicazione delle...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto