NULL
Novità Iva
21 Giugno 2008

Trattamento di non imponibilità dei lavori portuali: Risoluzione

Scarica il pdf

Con Risoluzione 5 giugno 2008, n. 226, l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che la realizzazione in porti già esistenti di opere previste dal piano regolatore portuale e nelle relative varianti, qualificate come adeguamenti tecnico-funzionali, sono da intendersi quali attività di ampliamento, ammodernamento e riqualificazione degli stessi, ai sensi della norma interpretativa art. 1, comma 992, Legge finanziaria 2007.

L’Amministrazione finanziaria, nel richiamare quanto previsto dalla Finanziaria 2007 in merito al riconoscimento a tali interventi del trattamento di non imponibilità IVA ai sensi dell’articolo 9, n. 6. DPR n. 633/1972, ha riconosciuto l’applicabilità di tale norma nei soli casi in cui le prestazioni sono realizzate da soggetti quali:

  • appaltatore principale a favore del committente di tali opere;
  • subappaltatore all’appaltante dei lavori di manutenzione portuale;
  • coloro che effettuano una prestazione di manutenzione portuale ad un committente sulla base di un contratto di risultato.

 

Fonte:  www.seac.it

 

Maggiori informazioni e approfondimenti sistematici ed esaurienti inviati direttamente alla vostra mail, acquista la circolare informativa fiscale

 

Articoli correlati
26 Novembre 2021
Quando si può parlare di commercio elettronico indiretto e quali sono i relativi obblighi di certificazione?

Commercio elettronico indiretto ed obblighi di certificazione. A presentare l'istanza...

26 Novembre 2021
Eredi del professionista: quali sono gli obblighi Iva da adempiere?

Nel caso di morte del professionista, quali sono gli adempimenti Iva a carico degli...

26 Novembre 2021
Subentro nella locazione della casa del portiere: si può optare per la cedolare secca.

Il quesito posto all'Agenzia delle Entrate riguarda l'applicabilità della cedolare...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto