Novità Iva
18 Aprile 2009

Rimborsi IVA di soggetti non residenti: Sentenza della Corte di Cassazione

Scarica il pdf

Con Sentenza n. 7181/2009, la Corte di Cassazione, seguendo uno degli orientamenti della giurisprudenza di legittimità, ha stabilito che il termine per la presentazione delle istanze di rimborso IVA da parte di soggetti non residenti in Italia non è perentorio.

In particolare, la normativa europea e quella nazionale, nel disporre che le istanze debbano essere presentate entro i sei mesi successivi all’anno nel corso del quale l’imposta è divenuta esigibile, non hanno definito il termine suddetto come perentorio; pertanto, in assenza di tale previsione espressa, il termine applicabile risulta in via residuale quello biennale di cui all’art. 21, comma 2, D.Lgs. n. 546/1992.

Infine, la Corte Suprema ha motivato che l’applicabilità del termine di sei mesi in via perentoria sarebbe in contrasto con i principi comunitari dell’equivalenza e della reciprocità.

 

Fonte:  www.seac.it

 

Maggiori informazioni e approfondimenti sistematici ed esaurienti inviati direttamente alla vostra mail, acquisti la circolare informativa fiscale

 

Articoli correlati
7 Maggio 2021
Rimborsi ai lavoratori in smart working esclusi da tassazione.

Lavoratori in smart working e tassazione dei rimborsi spese. Arrivano i chiarimenti...

7 Maggio 2021
Sospensione attività di riscossione: arriva la proroga al 31 maggio.

Con un Comunicato Stampa del Ministero dell'Economia e delle Finanze del 30 aprile 2021,...

7 Maggio 2021
Consulenza da parte di professionista non iscritto all’albo: se si tratta di ditta individuale non c’è ritenuta.

Professionista non iscritto ad un albo e ritenuta d'acconto: l'Agenzia delle Entrate...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto