Novità Iva
20 Luglio 2007

Reverse charge anche in caso di codice ATECOFIN errato

Scarica il pdf

Con Risoluzione 13 luglio 2007, n. 172, l’Agenzia delle Entrate si è nuovamente espressa in merito all’applicabilità del meccanismo dell’inversione contabile IVA.

Nel caso oggetto di interpello, una Società svolge in via prevalente attività di produzione e posa in opera rientrante in determinato codice ATECOFIN 2004, mentre in via secondaria svolge attività di costruzione rientrante in un codice diverso. L’Agenzia ha espresso, al riguardo alcune considerazioni:

  • il meccanismo del reverse charge si applica solo in caso di subappalto e non in riferimento all’attività di fornitura con posa in opera;
  • ciò che rileva è l’attività effettivamente svolta, indipendentemente dal codice ATECOFIN comunicato all’Agenzia delle Entrate; allo stesso modo per qualificare un negozio giuridico come contratto d’appalto, è necessario verificare la volontà delle parti e gli effetti prodotti dal contratto stesso, e non limitarsi alla denominazione giuridica del rapporto.

Fonte:  www.seac.it

 

Per maggiori informazioni e approfondimenti sistematici ed esaurienti inviati direttamente alla vostra mail, acquista la circolare informativa fiscale

Articoli correlati
7 Maggio 2021
Rimborsi ai lavoratori in smart working esclusi da tassazione.

Lavoratori in smart working e tassazione dei rimborsi spese. Arrivano i chiarimenti...

30 Aprile 2021
Superbonus e contributi pubblici per la ricostruzione: sì alla cumulabilità

L'Agenzia delle Entrate, nella Risoluzione n. 28 del 23 aprile 2021, si è occupata della...

30 Aprile 2021
Il dipendente di una società italiana che risiede nel Paese estero e lì opera con il telelavoro non paga tasse in Italia

Quale regime fiscale è applicabile al lavoratore dipendente di una società italiana che...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto