NULL
Novità Iva
20 Luglio 2007

Reverse charge anche in caso di codice ATECOFIN errato

Scarica il pdf

Con Risoluzione 13 luglio 2007, n. 172, l’Agenzia delle Entrate si è nuovamente espressa in merito all’applicabilità del meccanismo dell’inversione contabile IVA.

Nel caso oggetto di interpello, una Società svolge in via prevalente attività di produzione e posa in opera rientrante in determinato codice ATECOFIN 2004, mentre in via secondaria svolge attività di costruzione rientrante in un codice diverso. L’Agenzia ha espresso, al riguardo alcune considerazioni:

  • il meccanismo del reverse charge si applica solo in caso di subappalto e non in riferimento all’attività di fornitura con posa in opera;
  • ciò che rileva è l’attività effettivamente svolta, indipendentemente dal codice ATECOFIN comunicato all’Agenzia delle Entrate; allo stesso modo per qualificare un negozio giuridico come contratto d’appalto, è necessario verificare la volontà delle parti e gli effetti prodotti dal contratto stesso, e non limitarsi alla denominazione giuridica del rapporto.

Fonte:  www.seac.it

 

Per maggiori informazioni e approfondimenti sistematici ed esaurienti inviati direttamente alla vostra mail, acquista la circolare informativa fiscale

Articoli correlati
25 Novembre 2022
Compensi dell’agente sportivo: si tratta di redditi di lavoro autonomo.

Con la Risoluzione n. 69 del 21 novembre 2022, l'Agenzia delle Entrate ha fornito...

25 Novembre 2022
Compensi di lavoro sportivo: ecco le nuove regole dal 2023.

Con il Decreto Legislativo n. 163 del 5 ottobre 2022, pubblicato nella Gazzetta...

25 Novembre 2022
Rimborsi spese per spostamenti dei navigator: non si tratta di indennità di trasferta.

Con la Risoluzione n. 67 del 15 novembre 2022, l'Agenzia delle Entrate ha fornito...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto