Novità Iva
1 Giugno 2006

Incompatibilità IVA – IRAP: Sentenza della CTP di Pordenone

Scarica il pdf

Con recente Sentenza, depositata il 2 marzo 2006, la Commissione Tributaria Provinciale di Pordenone, contrariamente alle Conclusioni a cui è pervenuto l’avvocato generale dell’Unione europea, ha stabilito che non esiste incompatibilità tra IVA ed IRAP. Secondo i Giudici, i due tributi sono infatti diversi, in quanto:

· soggetto passivo dell’IVA è il consumatore finale. La base imponibile è costituita dal valore dei beni e servizi ceduti;

· soggetto passivo dell’IRAP è invece il produttore con autonoma organizzazione. La base imponibile in questo caso non è costituita dal valore dei beni e servizi ceduti.

Fonte:  www.seac.it

 

Maggiori informazioni e approfondimenti sistematici ed esaurienti inviati direttamente alla vostra mail, acquista la circolare informativa fiscale

Articoli correlati
30 Aprile 2021
Superbonus e contributi pubblici per la ricostruzione: sì alla cumulabilità

L'Agenzia delle Entrate, nella Risoluzione n. 28 del 23 aprile 2021, si è occupata della...

30 Aprile 2021
Il dipendente di una società italiana che risiede nel Paese estero e lì opera con il telelavoro non paga tasse in Italia

Quale regime fiscale è applicabile al lavoratore dipendente di una società italiana che...

30 Aprile 2021
Agevolazioni del Decreto Crescita 2019: non si considerano le vendite di immobili in corso di costruzione

L'Agenzia delle Entrate ha risposto ad un quesito riguardante l'applicazione delle...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto









    Novità Iva
    22 Aprile 2006

    Incompatibilità IVA – IRAP: Sentenza della CTP di Pordenone

    Scarica il pdf

    Con recente Sentenza, depositata il 2 marzo 2006, la Commissione Tributaria Provinciale di Pordenone, contrariamente alle Conclusioni a cui è pervenuto l’avvocato generale dell’Unione europea, ha stabilito che non esiste incompatibilità tra IVA ed IRAP. Secondo i Giudici, i due tributi sono infatti diversi, in quanto:

    · soggetto passivo dell’IVA è il consumatore finale. La base imponibile è costituita dal valore dei beni e servizi ceduti;

    · soggetto passivo dell’IRAP è invece il produttore con autonoma organizzazione. La base imponibile in questo caso non è costituita dal valore dei beni e servizi ceduti.

    Fonte:  www.seac.it

     

    Maggiori informazioni e approfondimenti sistematici ed esaurienti inviati direttamente alla vostra mail, acquista la circolare informativa fiscale

    Articoli correlati
    30 Aprile 2021
    Superbonus e contributi pubblici per la ricostruzione: sì alla cumulabilità

    L'Agenzia delle Entrate, nella Risoluzione n. 28 del 23 aprile 2021, si è occupata della...

    30 Aprile 2021
    Il dipendente di una società italiana che risiede nel Paese estero e lì opera con il telelavoro non paga tasse in Italia

    Quale regime fiscale è applicabile al lavoratore dipendente di una società italiana che...

    30 Aprile 2021
    Agevolazioni del Decreto Crescita 2019: non si considerano le vendite di immobili in corso di costruzione

    L'Agenzia delle Entrate ha risposto ad un quesito riguardante l'applicazione delle...

    Affidati ad un professionista
    Richiedi una consulenza con un nostro esperto