Novità Iva
27 Ottobre 2007

Fatture inesistenti: al Fisco l’onere della prova

Scarica il pdf

Con Sentenza 21 settembre 2007, n. 21953, la Corte di Cassazione ha affermato che per contestare l’indebita detrazione IVA, l’Amministrazione finanziaria deve provare l’inesistenza delle operazioni esposte in fattura.

Secondo la Corte, la fattura è un documento di per sé sufficiente a far sorgere il diritto alla detrazione. Non è, quindi, il contribuente a dover provare la veridicità della fattura; l’Amministrazione finanziaria non può limitarsi ad affermarne la falsità, ma deve dimostrare in concreto che l’operazione è di fatto, in tutto o in parte, inesistente.

Fonte:  www.seac.it

 

Per maggiori informazioni e approfondimenti sistematici ed esaurienti inviati direttamente alla vostra mail, acquista la circolare informativa fiscale

Articoli correlati
14 Maggio 2021
Rimborsi per spese sostenute da lavoratori in smart working: tassabili se non collegati a criteri oggettivi.

L'Agenzia delle Entrate si è pronunciata nuovamente riguardo alla tassabilità dei...

14 Maggio 2021
Attestazioni rilasciate a medici che chiedono un indennizzo per isolamento da Covid: sì all’imposta di bollo.

Nuova questione affrontata dall'Agenzia delle Entrate. Si tratta dell'applicabilità...

14 Maggio 2021
Interventi in aree per fiere e convegni: quando è ammesso il credito d’imposta per l’adeguamento degli ambienti di lavoro?

L'Agenzia delle Entrate è intervenuta a fornire nuovi chiarimenti riguardo...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto