NULL
Novità Iva
12 Febbraio 2010

Fatturazione dei trasporti di merci e territorialità

Scarica il pdf

Con la nuova disciplina della territorialità delle prestazioni di servizi, in vigore dal 1º gennaio 2010, per quanto riguarda il trasporto merci reso da un soggetto passivo vanno considerate due alternative:

  • se il committente ha sede in Italia, la prestazione si considera territorialmente in Italia; quindi va individuato il debitore dell’imposta nonché il corretto trattamento da applicare, ovvero se l’operazione è imponibile, non imponibile (ex art. 9, D.P.R. n. 633/1973, ad esempio per beni in esportazione) esente;
  • se il committente è stabilito all’estero, al contrario, la prestazione si reputa interamente extraterritoriale e non sorge alcun obbligo IVA (salvo quello di emissione della fattura non soggetta IVA ex art. 7-ter).

 

Fonte:  www.seac.it

 

Maggiori informazioni e approfondimenti sistematici ed esaurienti inviati direttamente alla vostra mail, acquisti la circolare informativa fiscale

Articoli correlati
25 Novembre 2022
Compensi dell’agente sportivo: si tratta di redditi di lavoro autonomo.

Con la Risoluzione n. 69 del 21 novembre 2022, l'Agenzia delle Entrate ha fornito...

25 Novembre 2022
Compensi di lavoro sportivo: ecco le nuove regole dal 2023.

Con il Decreto Legislativo n. 163 del 5 ottobre 2022, pubblicato nella Gazzetta...

25 Novembre 2022
Rimborsi spese per spostamenti dei navigator: non si tratta di indennità di trasferta.

Con la Risoluzione n. 67 del 15 novembre 2022, l'Agenzia delle Entrate ha fornito...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto