Novità Iva
22 Settembre 2008

Credito IVA incedibile anche in seguito a cessione d’azienda

Scarica il pdf

Con Sentenza 16 aprile 2008, n. 9961, la Corte di Cassazione si è espressa in merito alla legittimità della cessione del credito IVA.

Secondo i giudici, il credito IVA si collega inscindibilmente alla posizione fiscale del contribuente che lo ha maturato; infatti, ai sensi dell’articolo 30, DPR n. 633/72, tale credito, se non è stato richiesto a rimborso, può essere detratto dal contribuente nell’anno successivo.

Pertanto, il credito IVA di un contribuente, divenuto certo e definito solo all’atto della sua esposizione in dichiarazione, potrà essere riportato all’esercizio successivo o chiesto a rimborso ma, anche per esigenze antielusive, non potrà concorrere alla determinazione delle detrazioni spettanti, per l’anno successivo, a un contribuente diverso, anche se questi è il cessionario dell’azienda alla quale il credito d’imposta si riferisce.

 

Fonte:  www.seac.it

 

Maggiori informazioni e approfondimenti sistematici ed esaurienti inviati direttamente alla vostra mail, acquista la circolare informativa fiscale

 

Articoli correlati
30 Aprile 2021
Superbonus e contributi pubblici per la ricostruzione: sì alla cumulabilità

L'Agenzia delle Entrate, nella Risoluzione n. 28 del 23 aprile 2021, si è occupata della...

30 Aprile 2021
Il dipendente di una società italiana che risiede nel Paese estero e lì opera con il telelavoro non paga tasse in Italia

Quale regime fiscale è applicabile al lavoratore dipendente di una società italiana che...

30 Aprile 2021
Agevolazioni del Decreto Crescita 2019: non si considerano le vendite di immobili in corso di costruzione

L'Agenzia delle Entrate ha risposto ad un quesito riguardante l'applicazione delle...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto