Novità Iva
19 Maggio 2005

Consignment stock e determinazione del plafond: perplessità di Assonime

Scarica il pdf

Con Risoluzione 5 maggio 2005, n. 58, l’Agenzia delle Entrate aveva precisato, in merito alla cessione di beni fuori del territorio comunitario, che:

  • la determinazione del plafond nell’ambito di contratti consigment stock è rinviata al momento in cui l’acquirente preleva i beni dal deposito;
  • lo stoccaggio dei beni presso un deposito all’estero di proprietà del fornitore nazionale si configura come cessione fuori campo IVA e non concorre al formazione del plafond.

In merito all’ultimo punto, con Circolare 16 maggio 2005, n. 24, Assonime rileva la necessità di uniformare il trattamento applicabile alle diverse modalità con le quali le imprese realizzano esportazioni di merci, auspicando un cambio di opinione da parte dell’Agenzia delle Entrate.

Fonte:  www.seac.it

 

Articoli correlati
30 Aprile 2021
Superbonus e contributi pubblici per la ricostruzione: sì alla cumulabilità

L'Agenzia delle Entrate, nella Risoluzione n. 28 del 23 aprile 2021, si è occupata della...

30 Aprile 2021
Il dipendente di una società italiana che risiede nel Paese estero e lì opera con il telelavoro non paga tasse in Italia

Quale regime fiscale è applicabile al lavoratore dipendente di una società italiana che...

30 Aprile 2021
Agevolazioni del Decreto Crescita 2019: non si considerano le vendite di immobili in corso di costruzione

L'Agenzia delle Entrate ha risposto ad un quesito riguardante l'applicazione delle...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto