Novità Irpef - Ires
19 Settembre 2014

Costi di manutenzione di autoveicoli: occorrono indicazioni precise sull’inerenza affinché possano essere considerati deducibili

Scarica il pdf

La Corte di Cassazione, nella Sentenza n. 19600 del 17 settembre 2014, si è espressa, in particolare, riguardo alla questione della deducibilità di costi relativi alla manutenzione di autovetture.

Nel caso di specie, la Commissione Tributaria Regionale aveva ritenuto illegittimo, sotto questo aspetto, l’avviso di accertamento emesso nei confronti della società contribuente, in quanto i costi di manutenzione portati in deduzione da tale società, anche se documentati in maniera irregolare, erano da considerarsi inerenti e deducibili sulla base del notevole numero di autovetture in possesso della contribuente.

L’Agenzia delle Entrate aveva, invece, contestato la circostanza che il numero delle autovetture generasse una certezza riguardo all’inerenza dei costi portati in deduzione. A tal proposito, sulla documentazione relativa ai costi di manutenzione mancava l’indicazione del numero della targa o del telaio del veicolo oggetto di manutenzione.

La Cassazione ha dato ragione all’Agenzia delle Entrate. La società contribuente, infatti, non ha adempiuto l’onere di dimostrare l’inerenza dei costi di manutenzione, non costituendo idonea prova la circostanza di possedere numerosi veicoli e l’allegazione che i costi sostenuti e documentati non sono eccessivi in rapporto a tali veicoli.

La Cassazione ha evidenziato che un costo astrattamente congruo non è per ciò stesso in concreto inerente.

Articoli correlati
23 Luglio 2021
Decreto Sostegni bis: ecco le modalità di applicazione del credito d’imposta per sanificazione ed acquisto dispositivi di protezione.

Con un Provvedimento del Direttore dell'Agenzia delle Entrate del 15 luglio 2021, sono...

23 Luglio 2021
Bonus facciate: sì ad interventi su parapetti dei balconi.

Nuovi chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate riguardo all'applicazione del "bonus...

23 Luglio 2021
Sisma bonus per acquirenti: sì se l’asseverazione è presentata tardivamente per nuova zona sismica.

L'Agenzia delle Entrate ha affrontato una nuova questione relativa all'applicazione del...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto