Novità Irpef - Ires
4 Giugno 2011

Corte di Cassazione: se la cassa chiude con segno negativo ci sono dei ricavi non registrati.

Scarica il pdf

La Corte di Cassazione, nella Sentenza n. 11988 del 31 maggio 2011, ha affermato il principio secondo il quale, dal momento che la chiusura “in rosso” di un conto di cassa significa, senza possibilità di dubbio, che le spese sono di entità superiore agli introiti registrati, in tale situazione devono sussistere altri ricavi, non registrati, in misura almeno pari al disavanzo.

La chiusura di cassa con segno negativo, quindi, oltre a rappresentare, sotto il profilo formale, un’anomalia contabile, indica sostanzialmente l’omessa contabilizzazione di un’attività almeno equivalente al disavanzo.

   

a cura dell’Avv. Raffaella De Vico.

Maggiori informazioni e approfondimenti sistematici ed esaurienti inviati direttamente alla vostra mail, acquisti la circolare informativa fiscale

Articoli correlati
24 Settembre 2021
L’oggetto sociale della start-up innovativa.

I requisiti richiesti dalla legge. Per ottenere la qualifica di start-up innovativa...

24 Settembre 2021
Immobili in corso di definizione: ammesso il Superbonus a certe condizioni.

Nuovi chiarimenti sull'applicazione del Superbonus. Il contribuente istante è...

24 Settembre 2021
Detassazione per contributi ed indennità per emergenza Coronavirus.

Il nuovo quesito affrontato dall'Agenzia delle Entrate riguarda il corretto trattamento...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto