Cedolare secca per gli immobili de l’Aquila: istituiti i codici tributo.

0 Flares 0 Flares ×

Con la Risoluzione n. 38 del 4 aprile 2011, l’Agenzia delle Entrate ha istituito i codici tributo per il versamento, tramite modello F24, dell’imposta sostitutiva dell’Irpef e delle relative addizionali regionale e comunale (cosiddetta cedolare secca) derivante dalla locazione degli immobili ad uso abitativo ubicati nella Provincia de l’Aquila.

La cedolare secca per gli immobili in questione è stata introdotta dall’articolo 2, comma 228, della Legge 23 dicembre 2009, n. 191, in via sperimentale, per l’anno 2010.

Nella Risoluzione viene anche precisato che i codici tributo istituiti, ossia il codice “1828”, per il versamento in autotassazione, ed il codice “1616”, per la trattenuta dell’imposta sostitutiva a seguito di assistenza fiscale da parte del datore di lavoro o dell’ente pensionistico, dei Caf e dei professionisti abilitati, devono essere indicati nella sezione “Erario”, in corrispondenza della colonna “importi a debito versati”, con l’inserimento, quale “anno di riferimento”, dell’anno d’imposta al quale si riferisce il versamento.

Con riferimento al codice “1828”, se il versamento viene effettuato ratealmente, nel campo “rateazione/regione/prov./mese rif.” deve essere riportato nel formato NNRR il numero della rata in pagamento (NN) ed il numero complessivo delle rate (RR). Se il pagamento viene effettuato in un’unica soluzione nel suddetto campo deve essere indicato il codice “0101”.

Con riferimento al codice tributo “1616”, nel medesimo campo deve essere indicato il mese nel quale il sostituto d’imposta effettua la trattenuta.
 

a cura dell’Avv. Raffaella De Vico.

Maggiori informazioni e approfondimenti sistematici ed esaurienti inviati direttamente alla vostra mail, acquisti la circolare informativa fiscale