Carta d’identità sanitaria: documento valido ai fini della detraibilità delle spese sanitarie

Con Risoluzione 15 gennaio 2005 n. 19, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito ai dati che la carta di identità sanitaria deve contenere, per poter essere utilizzata in alternativa ai singoli scontrini fiscali, per aver diritto a detrarre in dichiarazione dei redditi le spese sostenute per l’acquisto di medicinali.

In particolare, l’Agenzia ha specificato che la carta sanitaria è alternativa agli scontrini purché nel prospetto riepilogativo rilasciato al contribuente:

·1 siano indicati i dati della farmacia emittente, date ed ora dell’acquisto, descrizione del prodotto, quantità acquistata, prezzo complessivo e numero dello scontrino emesso per l’acquisto;

·2 siano allegate le prescrizioni mediche relative ai farmaci acquistati oppure, per i farmaci da banco, sia allegata l’autocertificazione del contribuente.

Fonte:  www.seac.it