NULL
Novità Irpef - Ires
10 Dicembre 2010

Audizione del Direttore dell’Agenzia delle Entrate al Senato: presentazione della cedolare secca sugli affitti e dell’imposta municipale propria

Scarica il pdf

Il 6 dicembre 2010 il Direttore dell’Agenzia delle Entrate Dott. Attilio Befera è intervenuto alla Commissione Finanze e Tesoro del Senato per esporre alcuni aspetti dello schema del Decreto Legislativo sul federalismo fiscale municipale, approvato dal Consiglio dei Ministri il 4 agosto 2010 e sottoposto al parere parlamentare. Il provvedimento in questione dovrebbe entrare in vigore a partire dal 1º gennaio 2011.

In particolare, il Dott. Befera si è soffermato sulla questione dell’introduzione della “cedolare secca sugli affitti” con la quale sarà riconosciuta la possibilità al locatore di applicare l’aliquota del 20 % sul canone di locazione annuo relativo a contratti aventi ad oggetto beni immobili ad uso abitativo e relative pertinenze. La cedolare verrà introdotta in sostituzione dell’IRPEF e delle relative addizionali e dell’imposta di bollo a decorrere dal 2011. Sarà sostitutiva, altresì, dal 2011, dell’imposta di registro sul contratto di locazione, se a canone concordato, ed in riferimento ad abitazioni situate nelle grandi città e nei Comuni ad alta densità abitativa. Dal 2014 sostituirà l’imposta di registro anche con riferimento a tutti gli altri contratti di locazione. Il gettito derivante dalla cedolare secca sarà attribuito ai Comuni, i quali potranno essere coinvolti nella gestione amministrativa dell’imposta medesima. 

In sede di audizione in Commissione, il Direttore dell’Agenzia delle Entrate ha illustrato gli aspetti del funzionamento e della gestione della cedolare secca, ma anche i profili di criticità della normativa ed alcuni dati relativi alla partecipazione dei Comuni all’attività di accertamento.

Il Direttore dell’Agenzia delle Entrate ha, inoltre, individuato i caratteri dell’imposta municipale propria che sarà istituita dai Comuni a partire dal 2014 per essere applicata in caso di possesso di immobili diversi dall’abitazione principale ed in caso di trasferimento per gli atti traslativi a titolo oneroso o gratuito della proprietà di beni immobili e per gli atti traslativi di diritti reali di godimento, compresa la rinuncia pura e semplice. E’ stato precisato che, a seguito dell’introduzione dell’imposta municipale, l’imposta sulle successioni e donazioni troverà applicazione solo con riferimento ai trasferimenti mortis causa di beni e diritti diversi da quelli di natura immobiliare. 

 

A cura dell’Avv. Raffaella De Vico

Maggiori informazioni e approfondimenti sistematici ed esaurienti inviati direttamente alla vostra mail, acquisti la circolare informativa fiscale

Articoli correlati
12 Aprile 2024
Hai ricevuto la busta paga e non ti è stata retribuita la festività per il giorno di Pasqua? Ecco il motivo

Molti lavoratori non hanno ricevuto in busta paga alcuna retribuzione per la...

12 Aprile 2024
Detrazione Irpef 2023 invariata per atenei non statali

Le regole relative alla detrazione Irpef per le spese universitarie sostenute presso...

12 Aprile 2024
Stock option da Oic a Ias/Ifrs, deducibili solo nell’anno di passaggio

Il passaggio dalle norme contabili nazionali (Oic) agli standard internazionali...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto