Novità Irpef - Ires
28 Luglio 2008

Adempimenti del curatore fallimentare: chiarimenti delle Entrate

Scarica il pdf

Con Risoluzione 14 luglio 2008, n. 297, l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che il curatore fallimentare, a seguito dell’espressa inclusione nel novero dei sostituti d’imposta (ad opera dell’art. 37, comma 1, D.L. n. 223/2006), assume in ogni caso la qualifica di sostituto d’imposta e deve ottemperare a tutti gli obblighi fiscali connessi, a prescindere dalla qualifica di imprenditore o meno del soggetto fallito.

Secondo l’Amministrazione finanziaria, infatti, la qualifica di sostituto d’imposta del curatore fallimentare scaturisce da un “autonomo” obbligo posto dalla norma, e non “deriva” dalla qualità di sostituto d’imposta rivestita dal debitore fallito.

 

Fonte:  www.seac.it

 

Maggiori informazioni e approfondimenti sistematici ed esaurienti inviati direttamente alla vostra mail, acquista la circolare informativa fiscale

 

Articoli correlati
17 Settembre 2021
La costituzione della start-up innovativa

La costituzione della start-up innovativa: necessario l’intervento del notaio? Il...

17 Settembre 2021
Contributo a fondo perduto previsto dal Decreto Sostegni bis: più tempo per presentare la dichiarazione dei redditi.

Con un Comunicato Stampa del 6 settembre 2021, il Ministero dell'Economia e delle...

17 Settembre 2021
Credito d’imposta per locazioni non abitative: nuovo modello per la comunicazione della cessione.

Con un Provvedimento del Direttore dell'Agenzia delle Entrate del 7 settembre 2021 sono...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto