Irpef - Ires
1 Gennaio 1970

Devo effettuare dei lavori di ristrutturazione presso la mia abitazione. Quali sono le agevolazioni fiscali previste e come usufruirne?

Scarica il pdf

La finanziaria 2008 ha previsto delle proroghe per le agevolazioni fiscali in materia di ristrutturazioni edilizie i cui benefici si estendono anche per il triennio 2008/2010.

Per gli interventi di ristrutturazione è prevista una detrazione del 36% delle spese sostenute per un importo non superiore ad Euro 48.000. La possibilità di portare in detrazione dell’Irpef tali spese è prevista per quegli interventi:

a) realizzati negli anni 2008, 2009, 2010, su fabbricati a prevalente destinazione abitativa privata;

b) per l’acquisto di unità abitative sulle quali le imprese di costruzione o di ristrutturazione, hanno eseguito interventi di recupero edilizio, in questo caso i lavori devono essere eseguiti dal 1° gennaio 2008 al 31/12/2010 e la vendita deve avvenire entro il 30/06/2011.

L’agevolazione, consiste, anche, nell’applicazione dell’aliquota Iva ridotta al 10% per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio realizzati, su fabbricati a prevalente destinazione abitativa. In particolare:

1) interventi di manutenzione ordinaria;

2) interventi di manutenzione straordinaria;

3) interventi di ristrutturazione edilizia, ossia, interventi di ripristino, sostituzione di alcuni elementi costitutivi un edificio e l’inerimento di nuovi impianti;

4) interventi di restauro e di risanamento conservativo, ossia, rivolti a conservare e ad assicurare la funzionalità dell’organismo edilizio.

Quindi le spese che danno diritto alla detrazione  sono gli acquisti di materiali, le spese sostenute per la ristrutturazione edilizia, l’esecuzione dei lavori, a condizione che i relativi pagamenti siano effettuati tramite bonifico bancario.

Inoltre, rientrano in tale agevolazione anche l’adozione di misure finalizzate a prevenire il rischio di compimento di atti illeciti da parte di terzi ( inferriate, porte blindate, serrature e lucchetti, casseforti a muro e allarmi collegati a vigilanza privata).

L’immobile oggetto della detrazione deve essere regolarmente accatastato, adibito ad abitazione principale ed avere ubicazione nel territorio dello Stato.

Per poter usufruire del beneficio fiscale il contribuente deve, prima di iniziare i lavori, trasmettere con raccomandata al Centro Operativo competente la comunicazione di inizio lavori redatta su apposito modulo approvato dal Ministero delle Finanze cui vanno allegati:

– Copie delle ricevute di pagamento dell’Ici per gli anni a decorrere dal 1997;

– Dati catastali identificativi dell’immobile.

Si ha decadenza dei benefici relativi alla detrazione del 36% se in fattura non venga riportato il costo della manodopera. L’applicazione dell’Iva agevolata al 10% prescinde dall’indicazione in fattura del costo della manodopera.

Leggi la definizione di:
Dichiarazione dei redditi
Reddito
Imposta
Imposte dirette
Irpef- Ire
Irpeg – Ires
Deduzioni
Detrazioni

Consulta la normativa su:
Testo unico delle Imposte sui Redditi
Accertamento delle Imposte sui redditi

Articoli correlati
23 Luglio 2021
Decreto Sostegni bis: ecco le modalità di applicazione del credito d’imposta per sanificazione ed acquisto dispositivi di protezione.

Con un Provvedimento del Direttore dell'Agenzia delle Entrate del 15 luglio 2021, sono...

23 Luglio 2021
Bonus facciate: sì ad interventi su parapetti dei balconi.

Nuovi chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate riguardo all'applicazione del "bonus...

23 Luglio 2021
Sisma bonus per acquirenti: sì se l’asseverazione è presentata tardivamente per nuova zona sismica.

L'Agenzia delle Entrate ha affrontato una nuova questione relativa all'applicazione del...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto