NULL
Faq
1 Gennaio 1970

Cosa si intende per spese di rappresentanza e qual è il trattamento fiscale?

Scarica il pdf

Per spese di rappresentanza si intendono quelle spese effettuate per offrire un’immagine positiva dell’impresa (es. organizzazione di ricevimenti, convegni e manifestazioni in genere). La loro caratteristica consiste nell’assenza di un corrispettivo e quindi non esiste un collegamento diretto costi – ricavi.

p> La disciplina da tali spese è stata oggetto di modifica dalla Finanziaria 2008. Dal 01/01/2008 tali spese saranno interamente deducibili dal reddito d’impresa e rispondenti ai requisiti di congruità e inerenza stabiliti con decreto del ministero dell’economia e delle finanze. Sono comunque deducibili le spese relative a beni distribuiti gratuitamente con un’importo non superiore a 50,00 Euro.

Per le spese di rappresentanza sostenute fino al 31/812/2007 sono deducibili dal reddito d’impresa nel limite de 1/3 del loro ammontare. Tale deduzione deve essere ripartita in 5 quote costanti annuali.

Ai fini Iva, non è detraibile l’imposta relativa a tali spese. Tuttavia la detraibilità, è concessa per le spese sostenute per l’acquisto di beni di costo unitario non superiore a 25,82 Euro.

Articoli correlati
3 Febbraio 2023
Legge di Bilancio per il 2023: aliquota Iva ridotta per più prodotti e nuove regole per la verifica delle partite Iva.

Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 29 dicembre 2022 la Legge di Bilancio per l'anno...

3 Febbraio 2023
Legge di Bilancio per il 2023: le novità per le operazioni con l’estero.

Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 29 dicembre 2022 la Legge di Bilancio per l'anno...

3 Febbraio 2023
Legge di Bilancio per il 2023: nuovo contributo di solidarietà a carico delle imprese del settore energetico.

Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 29 dicembre 2022 la Legge di Bilancio per l'anno...

Affidati ad un professionista
Richiedi una consulenza con un nostro esperto